domenica 21 ottobre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Mordechai Kedar: la nuova strategia di Hamas minaccia Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Rav Jonathan Sacks: 'Ecco il nuovo antisemitismo' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
09.10.2018 Quindi era un’utopia?
Commento di Michèle Mazel

Testata: Informazione Corretta
Data: 09 ottobre 2018
Pagina: 1
Autore: Michèle Mazel
Titolo: «Quindi era un’utopia?»

Quindi era un’utopia?
Commento di Michèle Mazel

(Traduzione di Yehudit Weisz)

www.jforum.fr/barkan-cetait-donc-une-utopie-par-michele-mazel.html

A destra: due operai arabi palestinesi al lavoro in una industria tessile a Barkan

Barkan. Questa zona industriale in Cisgiordania dà lavoro attualmente a più di ottomila persone. La maggior parte di loro non vive sul posto. Ogni mattina, poco più di quattromila palestinesi arrivano all'ingresso di questa piccola località di meno di duemila abitanti. Qui trovano un lavoro ben retribuito ed eccellenti condizioni sociali. Gli altri sono israeliani. Arrivano da ogni parte d'Israele per gestire un centinaio di aziende, tra cui un impianto di riciclaggio dei rifiuti. Niente di veramente romantico. Questo polo industriale è in attività da ormai 35 anni. E’ un modello di convivenza. Nel 2012 l'edizione francese del Jerusalem Post gli aveva dedicato un articolo e aveva citato uno degli industriali del posto: “I lavoratori palestinesi hanno gli stessi stipendi e le stesse condizioni di lavoro degli israeliani”. I suoi dipendenti "vengono qui al mattino per lavorare e tornano a casa la sera. Non abbiamo mai avuto un problema di sicurezza o un attacco terroristico”. Trentacinque anni di convivenza. Tutti conoscono tutti. Le misure di sicurezza si stanno rilassando un po’. Quattromila lavoratori da controllare ogni mattina agli ingressi. Dobbiamo agire rapidamente, basta controllare che i dipendenti palestinesi siano autorizzati a lavorare lì. I cancelli del metal detector suonano di continuo, attivati da orologi, fibbie di cinture o scarpe. Quindi li lasciamo entrare. Trentacinque anni di fiducia. Trentacinque anni per dirsi buongiorno. Proprio ieri, il primo giorno della nuova settimana, erano tutti ai loro posti. Purtroppo non tutti sono usciti. Kim Levengrod Yeheskel, una giovane mamma di 28 anni, è stata colpita a sangue freddo così come il suo collega Ziv Hagbi, 35 anni, padre di tre figli.

 
Kim Yehezkel, Ziv Hajbi, le vittime

Non erano coloni. Kim, abitava a Rosh Haayin e Ziv a Rishon le-Tzion. L'assassino è un “giovane”. Un giovane palestinese naturalmente. Ha solo ventitré anni. Di professione elettricista. Si chiama Ashraf Walid Suleiman Na'alwa. Avrebbe lasciato una lettera che annunciava il suo progetto. Il terrorista, lui, è fuggito. Hamas, pieno di elogi per questo "eroe", distribuisce dolci ai bambini gazawi per celebrare la sua gioia. La Jihad islamica si congratula con quello in cui vede un futuro "Shahid". Nel frattempo l'esercito israeliano si lancia sulle tracce del fuggiasco. Alcuni membri della sua famiglia sono stati arrestati. A Barkan c’è una grande preoccupazione. Non ci sono solo i colleghi - arabi e israeliani – delle vittime, che piangono per la perdita di cari compagni di lavoro. Ma cosa accadrà ora? Quale sarà il futuro per questa oasi di convivenza? Sono i lavoratori palestinesi ad essere i più preoccupati. Non è solo il loro sostentamento ad essere messo in gioco. Le misure di sicurezza saranno rafforzate. La coda davanti ai checkpoint si allungherà. Si instaurerà una diffusa sfiducia. L'Autorità Palestinese, ci dicono, ha anche lei aderito alle ricerche. E’ un inizio? Ci si chiede se abbia già offerto un riconoscimento economico alla famiglia del terrorista.

Risultati immagini per michelle mazel
Michelle Mazel


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT