lunedi` 21 maggio 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Video: la propaganda dei terroristi di Hamas a Gaza (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Gaza: le responsabilità sono di Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Informazione Corretta Rassegna Stampa
14.05.2018 IC7 - Il commento di Daniele Scalise: Da Obama a Trump
Dal 6 al 12 maggio 2018

Testata: Informazione Corretta
Data: 14 maggio 2018
Pagina: 1
Autore: Daniele Scalise
Titolo: «IC7 - Il commento di Daniele Scalise: Da Obama a Trump»

IC7 - Il commento di Daniele Scalise
Dal 6 al 12 maggio 2018

Da Obama a Trump

Risultati immagini per obama trump
Donald Trump, Barack Obama

Nell’anno di grazia 2009 la commissione norvegese per il Nobel decise di incoronare l’allora presidente degli Stati Uniti Barack Obama con il premio per la pace per – testuali parole – “il suo straordinario impegno per rafforzare la diplomazia internazionale e la collaborazione tra i popoli”. Di straordinario per rafforzare la diplomazia internazionale e la collaborazione tra i popoli Obama non aveva fatto nulla né – adesso possiamo dirlo con certezza – lo avrebbe fatto in futuro. Domandina: in quale maniera, con quali titoli, con quante cerimonie prevedono di onorare l’attuale presidente Donald Trump che ha stracciato il micidiale accordo nucleare con l’Iran, che ha finalmente attuato una promessa a lungo (e vilmente) rimandata e cioè di spostare la sede diplomatica Usa nella capitale israeliana, e che ha compiuto il miracolo di disinnescare il conflitto tra le due Coree? Gli tocca una statua crisoelefantina? Un medagliere d’oro, piazze intitolate a suo nome o che altro? Nulla di questo, è ovvio. Ai tempi del premio ad Obama qualcuno – pochi – ebbe il coraggio di dire che quel riconoscimento era offensivo. Si premiava infatti una persona non per le cose che aveva fatto (anche perché non aveva ancora fatto nulla) ma per il colore della pelle. Dando prova di un razzismo alla rovescia, ma pur sempre razzismo. Trump invece è ritenuto troppo cafone e spiccio nei modi, con quel ciuffo ondeggiante che serve da nutrimento a qualche comico depresso, con quella moglie troppo bella ed elegante, per quell’aria da venditore di macchine usate. Il palato fino del ceto politico e intellettuale non sopporta la totale indifferenza per il bon ton e naturalmente tiene in non cale i risultati: disastrosi quelli di Obama e – almeno fino ad oggi – piuttosto incoraggianti quelli di Trump. Nient’affatto sensibile al pensiero delle cosiddette élite, Trump ha ribadito e rinforzato il patto che lega le democrazie occidentali con lo Stato d’Israele riconoscendone non solo la radice (la storia dei ‘fratelli maggiori’ sappiamo quanto sia pericolosa ed ipocrita) ma l’indispensabilità vitale per la civiltà stessa. Trump – piaccia o non piaccia – avrà pure un viso adatto alle caricature ma ha compiuto un gesto per cui non solo gli israeliani ma tutto il mondo libero gli deve riconoscenza. Un gesto di valore non solo simbolico che gli annoiati intelò alla deriva commentano prefigurando sfracelli. Un gesto che l’Europa - che continua a vivacchiare grazie alle antiche furbizie e pur ritenendosi modello di alta e indiscussa moralità trae profitti non proprio nobili (basti vedere come si sono fatti subito i conti in tasca quando l’accordo obamiano con l’Iran è stato stracciato da Washington) - deve mandar giù. Che le socialdemocrazie occidentali siano allo sbando è stato già scritto e descritto con abbondanza di dettagli e forza di argomenti. Che però anche i sistemi cosiddetti liberali a cui dicono di ispirarsi leader come quello francese e tedesco si siano immiseriti di ideali e di progetti, beh, questo è un dato altrettanto sicuro. E insieme triste. E’ rimasto sguarnito il territorio delle idee perché in quella zona continuano a prevalere mezze tacche, interessi sordidi e cecità criminali. Essendo un ottimista, continuo a credere che prima o poi qualcosa cambierà. Ma il mio è – lo riconosco – un puro atto di fede. E comprendo benissimo chi non se la senta di condividerlo.


Daniele Scalise


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT