martedi` 21 novembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Mordechai Kedar: la minaccia di Iran e Hezbollah per Israele e la pace in Medio Oriente (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non c'è ancora uno Stato arabo palestinese? (con sottotitoli italiani)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Informazione Corretta Rassegna Stampa
08.08.2017 Una caduta giudiziaria annunciata, ma tutt’altro che sicura
Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Testata: Informazione Corretta
Data: 08 agosto 2017
Pagina: 1
Autore: Ugo Volli
Titolo: «Una caduta giudiziaria annunciata, ma tutt’altro che sicura»

Una caduta giudiziaria annunciata, ma tutt’altro che sicura
Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

 

Cari amici,

avete certamente letto sui giornali che il primo ministro israeliano Netanyahu è indagato per corruzione e frode (http://www.ilgiornale.it/news/mondo/israele-netanyahu-indagato-suo-ex-braccio-destro-collabora-i-1428345.html ). Forse la cosa non vi giunge nuova, dato che se n’era già parlato otto mesi fa (http://www.corriere.it/esteri/16_dicembre_29/israele-netanyahu-indagato-corruzione-frode-c56b5d6a-cd97-11e6-b7f4-62190597806c.shtml ), ma anche un anno e mezzo fa (http://www.ilfogliettone.it/netanyahu-indagato-un-test-la-sua-presa-sul-potere-gli-israeliani-lo-vogliono-finora/ ), nel 2016 (https://notiziarioestero.com/2016/04/16/netanyahu-e-lamicizia-pericolosa-con-la-mafia-francese/ e http://www.agcnews.eu/i-sottomarini-tedeschi-di-bibi/ ), nel 2015 (http://www.ecodibergamo.it/stories/ansa/spese-case-inchiesta-inchioda-netanyahu_1105626_11/ ),
insomma sempre.

Non voglio annoiarvi con l’elenco dei link, ma basta una breve ricerca per mostrare che non è passato anno di governo di Netanyahu senza la sua brava inchiesta, di solito presto smontata. Questa volta si dice che la situazione è diversa perché la polizia, avendo pizzicato l’ex capo dello staff di Netanyahu con un’accusa che non c’entra nulla con lui, gli ha proposto un patto per farlo diventare testimone contro Netanyahu in cambio della commutazione della sua condanna al carcere con un periodo di servizio sociale, anche se lui dice di non voler affatto tradire il suo ex capo (http://www.israelhayom.com/site/newsletter_article.php?id=44453 ).

E’ una storia che a me pare un po’ anomala sul piano giuridico e certamente morale, ma non dubito che la legislazione israeliana che è di tipo anglosassone, lo consenta. Tutt’altra cosa è essere sicuri che Netanyahu sia colpevole o che sarà condannato (anche se a quanto pare una maggioranza del pubblico israeliano è convinto che sarà condannato: http://www.israelnationalnews.com/News/News.aspx/233514 ).
In realtà le inchieste non hanno prodotto finora nulla di conclusivo, come dimostra la loro durata.
Quelle più importanti sono tre: la più esile riguarderebbe i regali “eccessivi” che la famiglia Netanyahu avrebbe ricevuto da vecchi amici (sigari e vini di qualità, a quanto pare, non bustarelle).
La più grave una faccenda di bustarelle che sarebbero state ricevute per l’acquisto di due sottomarini tedeschi; ma qui sono già stati arrestati diversi generali, è difficile ipotizzare un intervento diretto dall’esterno del primo ministro su una struttura molto orgogliosa e indipendente come il ministero della difesa israeliano, che ha sempre avuto, fra l’altro, responsabili politici di altri partiti.
La più politica riguarda i contatti che ci sono stati fra Netanyahu e Noni Mozes, proprietario di un importante giornale a lui ostile (non Haaretz che in Israele non ha alcun peso, ma Yediot Aharonot) in cui Mozes gli avrebbe chiesto di far chiudere un altro giornale gratuito che sostiene il governo, Israel Hayom, in cambio di un alleggerimento della campagna contro di lui.
Netanyahu ha sempre sostenuto di aver incontrato Mozes per capire le sue intenzioni e cercare di ammorbidirlo; di recente Adelson, proprietario di Israel Hayom, avrebbe confermato una richiesta di Netanyahu di chiudere il supplemento domenicale del giornale (http://www.israelnationalnews.com/News/News.aspx/233474 ).
Resta a vedere fino a che punto si sono spinti questi contatti e se essi configurino un reato.

Naturalmente se Netanyahu è colpevole, e sottolineo il se, è giusto che sia processato e condannato, come lo sono stati negli anni scorsi l’ex primo ministro Olmert e l’ex presidente Katzav: avere un potere giudiziario indipendente e che non ha timore dei potenti è uno dei vanti della democrazia israeliana. Dunque il sistema della giustizia va lasciato lavorare. E secondo le analisi più ragionevoli, ci vorrà probabilmente un anno perché arrivi alle sue conclusioni (http://www.jpost.com/Israel-News/Benjamin-Netanyahu/Analysis-How-long-might-it-take-for-Netanyahu-to-go-501769 ).

Per il momento si sa che Netanyahu è indagato, ma non è stato nemmeno richiesto il rinvio a giudizio, che naturalmente è preliminare a ogni processo. Ma il problema non è questo, secondo me, è invece la voglia di abbattere un nemico politico che non si può sconfiggere usando la giustizia per farlo, il che implica da un lato una sfiducia nel sistema democratico di selezione del governo, ma anche un senso di superiorità morale contro l’avversario politico, in quanto tale considerato”deplorevole” (vi ricordate l’insulto di Hillary Clinton agli elettori di Trump?) e per forza immorale.
Questo è certamente il caso della reazione delle forze politiche israeliane e dei media a questa situazione. Vi è un odio contro Netanyahu tanto a sinistra quanto a destra su cui vi invito a leggere questo gustoso compendio: http://blogs.timesofisrael.com/a-primer-for-netanyahu-haters /.

Risultati immagini per netanyahu polls
"Perdo nei sondaggi, ma vinco il giono delle elezioni"

I sondaggi dicono che Netanyahu vincerebbe ancora largamente le elezioni, che gli israeliani lo considerano ancora di gran lunga il migliore primo ministro possibile. E in effetti il suo dominio della tattica politica è magistrale, come dimostra anche la gestione della crisi del Monte del Tempio, che rischiava di disturbare gravemente l’agenda politica israeliana di trovare un accordo con moltri paesi islamici lasciando in secondo piano la questione palestinese, un’agenda che sta procedendo con molto successo-
Per esempio nei giorni scorsi sono arrivati in Israele due nuovi ambasciatori di stati africani a maggioranza musulmana, Senegal e Guinea che non avevano mai spedito delegazioni di quel livello allo stato ebraico (http://www.timesofisrael.com/two-muslim-states-in-africa-send-first-ever-envoys-to-israel/ ); lo stato di Capoverde ha annunciato ufficialmente l’abbandono della politica antisraeliana all’Onu e così via.

Del resto le cose sul terreno vanno in maniera tale che due importanti negoziatori di parte palestinista hanno scritto un articolo per dire che ormai il sistema politico palestinese è sempre più irrilevante (http://www.newyorker.com/news/news-desk/the-end-of-this-road-the-decline-of-the-palestinian-national-movement ) e fonti palestinesi si sono lamentate del fatto che Abbas è “come prigioniero” a Ramallah (http://www.jpost.com/Arab-Israeli-Conflict/Palestinian-sources-Israel-has-turned-Abbas-into-a-prisoner-in-Ramallah-501772 ).
Dunque Netanyahu sta portando risultati importanti sul piano politico, minimizzando i costi militari e terroristici; l’economia va benissimo ( http://www.oecd.org/economy/israel-economic-forecast-summary.htm e https://www.algemeiner.com/2017/04/19/israeli-economy-ranked-3rd-most-stable-in-the-world-for-2016/ ), i progetti avventuristi di cessioni territoriali della sinistra sono considerati improbabili e insensati dall’elettorato.

Nessuno potrebbe batterlo oggi. E dunque si delega il compito di abbatterlo alla giustizia, o almeno lo si spera. Questa è una mossa tipica di questo periodo, che si è ripetuta con diverso successo a proposito di leader di altri paesi, da Berlusconi a Trump, per fare solo i nomi principali. E’ un tema, quello della supplenza della giustizia sulla politica, su cui voglio tornare, perché in questo momento è decisivo. Ma lo farò in un altro articolo.

Immagine correlata
Ugo Volli - clicca sulla copertina del libro per tutte le informazioni e procedere all'acquisto


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT