mercoledi` 24 maggio 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La minaccia arriva dal nord: Hezbollah ai confini d'Israele con le armi dell'Iran (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla Bassem Eid, attivista palestinese per i diritti umani, quelli veri (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello - per chi ha difficoltà di lettura dei sottotitoli, cliccare su Youtube in basso a destra)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Informazione Corretta Rassegna Stampa
17.04.2017 Per la prima volta un film girato a Tel Aviv ci fa conoscere la rivolta delle donne arabe
L'oppressione famigliare araba come non l'avevamo mai vista al cinema

Testata: Informazione Corretta
Data: 17 aprile 2017
Pagina: 1
Autore: IC redazione
Titolo: «Per la prima volta un film girato a Tel Aviv ci fa conoscere la rivolta delle donne arabe»

Oggi, festività di Pasquetta, non escono i giornali. Gli auguri di Informazione Corretta ai nostri lettori con una pagina dedicata a un film di grande interesse girato a Tel Aviv il cui titolo italiano è Libere, disubbidienti e innamorate. La regia è di Maysaloun Hamoud, araba israeliana, girato come sempre in Israele con i fondi messi a disposizione dal governo di Gerusalemme.

Immagine correlata
Natalia Aspesi

Le tre protagoniste arabe israeliane, come ha scritto Natalia Aspesi recensendo il film (http://www.informazionecorretta.com/
main.php?mediaId=4&sez=120&id=65817
), rifiutano guerra e terrorismo, vogliono liberarsi da ogni oppressione patriarcale, dai codici tradizionali religiosi.
Una descrizione realistica del costume famigliare arabo israeliano, cristiano o musulmano non importa, con una galleria maschile di cui quasi mai abbiamo visto l'eguale nei film sulla realtà contemporanea dei rapporti famigliari nel mondo arabo, sia in Israele sia - meno che mai - nei Paesi arabi circostanti.

Per chi rimane in città, un film da non perdere e da consigliare ai propri amici.


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT