domenica 23 luglio 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La disinformazione dei media contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Informazione Corretta Rassegna Stampa
18.03.2017 Come si diffonde un virus
Commento di Deborah Fait

Testata: Informazione Corretta
Data: 18 marzo 2017
Pagina: 1
Autore: Deborah Fait
Titolo: «Come si diffonde un virus»

Come si diffonde un virus
Commento di Deborah Fait

 

 In questi giorni si parla molto dei vaccini come mezzi necessari per debellare l' epidemia di morbillo che sta preoccupando la Sanità pubblica. Purtroppo, nonostante la scienza abbia fatto dei veri e propri salti in avanti, nessuno ha ancora inventato un vaccino per combattere l'antisemitismo.
E' troppo difficile, si possono guarire le malattie del corpo ma è impossibile ottenere un antidoto per combattere i virus malefici che infettano anime e cervelli.
Abbiamo appena finito di parlare del documentario-spazzatura firmato da Samantha Comizzoli, dal titolo "israele, il Cancro", con Israele scritto minuscolo e cancro maiuscolo, stiamo ancora cercando di ripulirci dal fango dei 62 docenti firmatari  dell'Università di Torino che hanno deciso di boicottare il Technion di Haifa, Ateneo dal quale sono usciti ben tre premi Nobel  (Ma il senato accademico ha respinto all'unanimità la loro proposta!)ed eccoci alle prese con un altro attacco italiano a Israele.

Risultati immagini per BDS against israel
la vera traduzione di BDS (settario, demonizzatore, vergognoso)

Il comune di Modena ha deciso di patrocinare un convegno organizzato dal BDS (Boicottaggio, Disinvestimento, Sanzioni contro Israele) http://www.italiaisraeletoday.it/il-comune-di-modena-patrocina-un-convegno-su-israele-organizzato-dal-movimento-bds/ in cui il tema sono le "colonie israeliane nei territori palestinesi".
Gli ospiti sono tutto un programma: Mai Alkaila ("ambasciatrice" palestinese), Bassam Saleh (Presidente ass.ne amici dei prigionieri palestinesi!) , Miriam Marino ( Ebrei contro l'occupazione e amici della Mezzaluna rossa ), Fausto Giannelli (Giuristi democratici !!! ), Moni Ovadia in video messaggio... come spesso si fanno intervistare personaggi che sono o credono di essere importanti. Oltre al famigerato BDS altri organizzatori sono: CGIL Modena (complimenti), Pax Christi Modena ( sempre loro in prima fila). Patrocinio e forse soldi dal Comune di Modena!
I cittadini di questa città sappiano che con le loro tasse finanzieranno varie proposte per distruggere Israele. Come riferisce l'articolo, questa iniziativa è parte delle manifestazioni organizzate in tutto il mondo, quindi anche in Italia, per la "settimana dell'apartheid israeliano" e, aggiunge "Una scelta molto grave dettata, si spera da scarsa attenzione".

A questo punto è lecito chiedersi se gli amministratori sono a conoscenza di quello che succede nelle loro città, se stanno attenti a chi danno i soldi e l'utilizzo del proprio simbolo o se non gliene frega niente, chiunque sia tutto fa brodo.
Questo sarebbe molto grave dal momento che dovrebbe esserci un controllo severo su come vengono spesi i soldi pubblici. Sappiamo che in Italia così non è ma usare il denaro delle nostre tasse per pagare le vacanze all'amante è diverso che rendere la popolazione complice di odio genocida di alcuni organizzatori e partecipanti a convegni contro Israele.
Cosa potrebbe dire il presidente dei prigionieri palestinesi che, si sa, sono in galera per strage e terrorismo? Cosa potrebbe raccontare una Miriam Marino che ha le convulsioni ogni volta che sente la parola Israele? A proposito, ho visto che un sito web di "liberi pensatori", tra cui proprio la Marino e altri ebrei e non ebrei odiatori di Israele, mi hanno dedicato un'intera pagina di insulti e diffamazioni, alcuni anche divertenti. https://civiumlibertas.blogspot.co.il/2008/03/non-poteva-mancare-la-solidariet-da.html  ma tralasciando gli insulti e il discredito verso la mia persona, in linea con l'abitudine al linciaggio delle dittature fascio- comuniste, la frase che mi ha fatto stare veramente male , che mi ha stravolta per lo schifo che contiene è questa, leggete attentamente: "Quanto ad Auschwitz ne è stato fatto in Gaza una riproduzione che supera di gran lunga l’originale. Anziché in Polonia, le scolaresche italiane potrebbero essere più utilmente mandate a Gaza, dove i sopravvissuti palestinesi potrebbe trarre qualche vantaggio materiale dal turismo scolastico a spese dei contribuenti italiani."
Queste parole sono disumane, infami, abiette, ho dovuto leggerle e rileggerle per capire che no, non mi sbagliavo, l'autore o l'autrice ha scritto proprio che Gaza supera di gran lunga Auschwitz e nessuno ha urlato per la disperazione che provocano in chiunque sia umano?
Nessuno si è sentito come colpito da una pugnalata al cuore nel leggerle?
Chi ha scritto questa infamia ha sputato addosso a sei milioni di ebrei massacrati, li ha trucidati per la seconda volta. E la reazione è stata un vergognoso abominevole silenzio! Possiamo quindi immaginare cosa uscirà dalla bocca della Marino durante il convegno.
Di Moni Ovadia sappiamo anche troppo ma la cosa che mi lascia interdetta è che venga spesso chiamato, anche in Rai, in qualità di esperto di Israele! Esperto in odio, questo si, odio a valanga ma qui si ferma la sua conoscenza. Credo sarebbe ora che gli ebrei italiani, ma non solo loro, si svegliassero e incominciassero a capire che è arrivata l'ora di difendersi dagli squallidi personaggi che animano la propaganda diffamatoria contro Israele.
Molti lo fanno ma non è abbastanza, il Male, il veleno che viene diffuso ha messo già radici profonde, sono anni che Miriam Marino, Moni Ovadia, Luisa Morgantini e molti altri lavorano indefessamente per sollevare l'opinione pubblica contro Israele.
Dite basta! Alzate la testa e abbiate il coraggio di dire "Noi amiamo Israele".
Fermateli se volete vivere in un paese civile.

Risultati immagini per deborah fait

Deborah Fait
"Gerusalemme, Capitale di Israele, unica e indivisibile"
"Non si chiama Cisgiordania, si chiama Giudea e Samaria"


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT