martedi` 13 aprile 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard delle Nazioni Unite contro Israele: le parole di Hillel Neuer (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
18.01.2015 Idee chiare sulla libertà di stampa, Charlie, i pugni se ti insultano la mamma e il negazionismo
Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Testata: Informazione Corretta
Data: 18 gennaio 2015
Pagina: 1
Autore: Ugo Volli
Titolo: «Idee chiare sulla libertà di stampa, Charlie, i pugni se ti insultano la mamma e il negazionismo ?»

Idee chiare sulla libertà di stampa, Charlie, i pugni se ti insultano la mamma e il negazionismo
Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Cari amici,

grande e mirabile è lo spirito di adattamento della stampa (diciamo così per non parlare di conformismo o peggio, naturalmente).
Fino a tre giorni fa erano tutti Charlie, dunque buoni,  liberi e coraggiosi.
Poi è arrivata la minaccia del Papa di prendere a pugni chi avesse insultato sua madre, e più concretamente un bel po' di minacce islamiste di tutti i tipi (da quelle statali della Turchia a quelle terroriste dell'Isis e di Hamas, a quelle degli attentatori nostrani a quelle religiose di imam e guru vari) e subito ci si è accorti che nessuno è Charlie. Anche se, con altrettanto misteriosa unanimità, erano tutti diventati difensori del diritto di Dieudonné a identificarsi con un assassino evidentemente difendendone le ragioni.

 Io, nel mio piccolo, sento bisogno di fare chiarezza. Una cosa è la libertà di pensiero: poter pensare con Spinoza “Deus sive Natura”, con Galileo che la Terra gira attorno al sole e non viceversa, con Charlie Brown (quello vero, made in Usa) che “il grande cocomero arriva di notte”. Un'altra cosa è la libertà di espressione: poter parlare quel che si vuole, magari raccontare anche la storia dei “versetti satanici” pronunciati da Maometto alla Mecca e poi ritrattati, ( http://it.wikipedia.org/wiki/Versetti_satanici ) come fece Salman Rushdie in un romanzo che gli costò una condanna a morte da parte di Khomeini con la conseguenza di anni di fuga e di gravi danni per lui e per chi lo pubblicò (http://it.wikipedia.org/wiki/I_versi_satanici ).

Della libertà di espressione fa parte anche la rappresentazioni di maiali (per esempio Pippa Peg) e di immagini di Maometto, ma anche la nominazione di Israele, che gli islamisti non gradiscono e cui spesso e volentieri i più vigliacchi fra i mezzi di comunicazione evitano (http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=&sez=280&id=56803 ). Poi c'è la libertà di satira, che consiste nel rappresentare in maniera caricaturale fatti e personaggi. Se questa è una colpa, confesso di esserne spesso responsabile in queste cartoline, come i miei lettori sanno bene. Una satira che non sia mordente, cioè che non offenda - innanzitutto i potenti, le istituzioni, i simboli - non è satira.
Una libertà di satira “Adelante, presto, con juicio” (come Manzoni faceva dire al Gran Cancelliere Ferrer rivolto al suo cocchiere durante i tumulti di Milano), semplicemente non è satira, ma la sua simulazione.

 Ma c'è un diritto alla satira? Partiamo da più lontano. Senza dubbio negli stati liberi, fra cui anche l'Italia, esiste un diritto che assicura la libertà di pensiero e di espressione. L'articolo 21 della Costituzione dice che “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure. [...] Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume.
Inoltre il codice penale prevede due reati che limitano questa libertà: l'ingiuria (articolo 594 del codice penale: “Chiunque offende l'onore o il decoro di una persona presente è punito con la reclusione fino a sei mesi o con la multa fino a euro 516.) e la diffamazione (art.595: Chiunque, fuori dei casi indicati nell'articolo precedente, comunicando con più persone, offende l'altrui reputazione, è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a euro 1.032.)

Io non sono un giurista e non saprei approfondire qui il contesto di queste norme. Ma mi sembra evidente che se qualcuno insultasse la memoria della madre di Papa Francesco ricadrebbe nel primo di questi reati e andrebbe denunciato, non percosso. Capisco che questo spesso non accada, ma la distinzione è importante, specie se si parla di un maestro spirituale: l'opposizione della civiltà giuridica contro la barbarie consiste nella sostituzione obbligatoria della giustizia privata (che non è giustizia ma vendetta) con la giustizia resa da organismi appositi. Questo è un principio etico, fra l'altro così importante da far parte dei precetti che l'ebraismo considera universali, obbligatori anche pere le persone che non appartengono all'ebraismo - i cosiddetti precetti noachici. Naturalmente per demandare il proprio diritto alla giustizia pubblica bisogna accettarne la legittimità (cosa che la tradizione ebraica riconosce in linea di principio: dina de malchuta dina , la legge dello stato è legge, va quindi obbedita, come recita un notissimo principio talmudico).

Gli islamisti pretendono di farsi giustizia da soli contro chi fa satira sull'Islam, sia Rushdie o Charlie Hebdo o altri. E dunque nega la legittimità dello stato e della sua legge. Oltre alla diffamazione, in molti paesi ci sono delle protezioni speciali per le religioni. In Italia, l'articolo 403 del codice penale proibisce le “offese a una confessione religiosa mediante vilipendio di persone” ;l'articolo 724 punisce (come contravvenzione e non come reato) le “bestemmia e manifestazioni oltraggiose verso i defunti”. Insomma non c'è nessun bisogno di fare a botte, né per la mamma del Papa, né per gli insulti alla divinità e neppure per quelli a Maometto. Tutte queste manifestazioni possono essere giudicate da istituzioni pubbliche che hanno il compito di bilanciare il diritto individuale alla libertà di pensiero e il rispetto alle religioni e alle persone.

Sostenere che la libertà di espressione è soggetta a limiti è scoprire l'acqua calda; semmai bisogna considerare che la bilancia fino al passato più recente è stata fortemente sbilanciata contro la libertà di espressione. Bisogna ricordare quel testo teatrale di Testori ”L'Arialda” che fu proibito per ragioni di “buon costume” raccontando una storia ordinaria di vita sottoproletaria a Milano?
O che fino a una serie di sentenze della Corte Costituzionale e una legge del 2006 (del 2006! nove anni fa), il codice parlava ancora di “delitti contro la religione dello stato e i culti ammessi” (http://www.altalex.com/index.php?idnot=36765) . Un principio fondamentale dello stato di diritto è che tutto ciò che non è esplicitamente e legalmente proibito si può fare e dunque che l'onere della prova ricade su chi vuole proibire qualche cosa, non su chi ritiene di esercitare il suo diritto.

Io non conosco la legge francese, ancora meno di quella italiana; ma questo è un principio metagiuridico. E dunque anche in Francia, il Papa, gli islamisti, tutti coloro che ritengono che le provocazioni vadano proibite e punite hanno una strada maestra: una denuncia e un processo legale.
Charlie Hebdo ha subito diversi di questi procedimenti ed evidentemente ne è uscito assolto. Il che significa che Papa, islamisti e proibizionisti hanno torto secondo la legge francese. Se ne hanno le forze possono proporre legislazioni restrittive, e in effetti la potente Organizzazione della Conferfenza Islamica che riunisce gli stati musulmani, sta spingendo da molti anni per ottenere leggi che proibiscano esplicitamente l'islamofobia.

 E' una questione politica. Da liberale, io credo fermamente che questa pressione vada respinta e che vada conservato il più ampio margine di libertà di pensiero e di critica nei confronti di tutto e tutti, compreso l'ebraismo cui appartengo. Bisogna che chi lo voglia sia libero di spiegare che non crede, che ritiene sbagliata la Bibbia, che la Creazione gli sembra insensata, che Mosè non gli piace, che la divinità rappresentata nei testi ebraici gli sembri inadeguata o peggio. Lo stesso naturalmente per Gesù, Maometto, Buddha, chi vi pare.
Entro certi limiti, che sono quelli che ho citato.

Ma c'è un altro importante limite che non ho ancora detto. L'articolo 414 del codice penale punisce l'”istigazione a delinquere” che comprende anche l'”apologia di reato”.
E' questo che fa Dieudonné, e in generale l'antisemitismo e il negazionismo.
Non si tratta semplicemente di parlare male della religione e dei suoi personaggi, ma di porre le premesse perché si ripeta la violenza nei confronti degli ebrei. Non è un pericolo teorico, in Francia le aggressioni nell'ultimo periodo sono state molte centinaia. Chi difende o elogia i terroristi, chi nega la Shoà, chi grida “a morte gli ebrei” nei cortei che poi vanno ad assalire le sinagoghe, non sta esprimendo delle opinioni e neanche facendo satira, sta preparando, appoggiando, sostenendo dei delitti tremendi.

Per questo era giusto arrestare Dieudonné, che ha dei precedenti specifici molto gravi, per questo sarebbe giusto che il Parlamento italiano, invece di creare le condizioni per nuovo terrorismo in Israele come le mozioni sul riconoscimento dello “stato che non c'è” di “Palestina” che Boldrini vorrebbe far approvare in fretta, approvasse la legge sul negazionismo proposta da Riccardo Pacifici.

 Ugo Volli


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT