martedi` 04 agosto 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Sono nato per odiare gli ebrei': una testimonianza sull'antisemitismo islamista in Europa (Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
28.04.2014 L'Anpi complice dell'odio contro Israele
una lettera al presidente dell'Anpi di Roma Ernesto Nassi

Testata: Informazione Corretta
Data: 28 aprile 2014
Pagina: 1
Autore: la redazione
Titolo: «L'Anpi complice dell'odio contro Israele»


Pubblichiamo la mail di un nostro lettore, con la segnalazione di un post su Facebook del circolo Anpi Renato Biagetti, nel quale si legge di un "
nazionalismo assassino di stampo sionista"  a cui si opporrebbe la "resistenza" del "popolo palestinese".
Condividiamo il quesito rivolto dal nostro lettore al presidente dell'Anpi Roma Ernesto Nassi: non ha "nulla da dire" su questo messaggio di odio per Israele e di giustificazione del terrorismo ?

Buongiorno ,
il  circolo Anpi "Renato Biagetti" di Roma , in un comunicato ufficiale , definisce la Rete Romana di solidarietà con il Popolo Palestinese  in questi termini :
"Voce del Popolo palestinese quale testimonianza di una resistenza ancora in atto contro il nazionalismo assassino di stampo sionista."
Il presidente Nassi non ha nulla da dire in proposito ?
Saluti.
https://www.facebook.com/anpi.renatobiagetti
Lettera Firmata

Di seguito, riportiamo il testo integrale del post, che contiene accuse di aggressione  ai manifestanti della comunità ebraica romana,seguito da un lancio ADNKRONOS che riporta le dichiarazioni del presidente Fabio Perugia, che ricostruiscono la dinamica dei fatti.  

Il Circolo ANPI “Renato Biagetti” esprime la piena e completa solidarietà alla Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese, vittima di un attacco squadrista perpetrato dai sionisti durante il corteo romano del 25 aprile

Oggi, il corteo annuale per ricordare la Liberazione dal nazifascismo e commemorare i valori della Resistenza, è stato teatro di un grave attacco fisico, e non meramente ...verbale, perpetrato in danno dei manifestanti appartenenti alla Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese, invitati, come ogni anno, a portare la voce del Popolo palestinese quale testimonianza di una resistenza ancora in atto contro il nazionalismo assassino di stampo sionista.

Alcuni loschi individui, che hanno tentato di legittimare la propria presenza sostenendo di appartenere alla Brigata Ebraica, formazione combattente partigiana, armati di caschi ed indossando guanti hanno aggredito i militanti presenti in piazza, colpevoli, secondo loro, di aver portato al 25 aprile le bandiere della palestina. Diversi compagni della Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese sono stati picchiati da questi squadristi sionisti, che con questa azione hanno isolato lo spezzone palestinese, impedendogli di fatto, di partecipare al corteo. Tutto ciò mentre gli organizzatori hanno, inspiegabilmente, fatto partire ugualmente il corteo, lasciando indietro i compagni aggrediti, i quali hanno potuto raggiungere Piazza di Porta San Paolo dopo un’ora, accompagnati da alcuni compagni e pochi Circoli ANPI rimasti indietro a garanzia della loro integrità

Ma la Brigata Ebraica non c'entra nulla con le soggettività sioniste che questa mattina hanno tenuto un atteggiamento degno del peggior squadrismo. Non c'erano "giovani palestinesi violenti", ma compagni che non hanno accettato le aggressioni fisiche perpetrate dalla comunità ebraica contro la Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese e che a Porta San Paolo stavano tutelando uno spezzone da gruppi organizzati che si nascondono dietro la stelle di David.

La piazza, infatti, si è presentata a loro blindata da uno spiegamento di forze dell’ordine in assetto antisommossa, indifferente a quanto accaduto. Addirittura, dal palco, lo spezzone appena giunto nella Piazza è stato rimproverato di disturbare il regolare svolgimento degli interventi.

Non una parola di condanna, dal palco, è arrivata verso quelle soggettività che in atteggiamento squadrista si aggiravano per la piazza formando capannelli di 4 o cinque persone.

Non una spiegazione del perché Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese, invitata dieci giorni fa dagli organizzatori come ogni anno, sia stata lasciata indietro dopo aver subito le violenze “miliziane” di questi sedicenti appartenenti alla Brigata Ebraica.

La Brigata Ebraica, che ha valorosamente combattuto nella guerra di resistenza al nazifascismo e che noi commemoriamo, non ha nulla a che vedere con le soggettività armate di caschi e guanti scese in piazza sventolando la bandiera dello stato di Israele, ormai divenuta simbolo di un violento e pericoloso nazionalismo e come tale ostentata da persone che non possono che essere definite squadriste.

Non ci è stato permesso di prendere la parola per chiedere spiegazione di quel che accaduto. Non c’è stata una presa di responsabilità da parte del Direttivo Provinciale dell’ANPI sulle aggressioni verificatesi nella mattinata. Non è stato permesso a nessun rappresentante della Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese di raccontare, dal palco, il perché della loro presenza e come sono stati vittime di una vile aggressione.

Il crescente malcontento della piazza è stato “sedato” dall’intervento della Guardia di Finanza in tenuta antisommossa che ha imbrigliato gli squadristi sionisti che hanno iniziato a urlare offese e minacce, dopo che il loro capo, il presidente della comunità ebraica Riccardo Pacifici, è stato contestato per aver occupato il palco con violenza e aver inscenato una finta aggressione verso chi lo contestava a viso aperto.
Un 25 Aprile macchiato dalla vergogna. Un 25 Aprile caratterizzato dalla assoluta impotenza nel gestire una piazza, che anno dopo anno si va svuotando nell’incapacità di tornare a fare antifascismo ora, nell’insegnamento della Resistenza.

Esecrabile, poi, è il comportamento della ANPI Roma che, con un incomprensibile comunicato di facciata, non solo non prende una posizione su chi ha portato lo squadrismo e la violenza dentro il corteo del 25 Aprile, ma addirittura minimizza i fatti parlando di sole “intolleranze e aggressioni verbali”.

Secondo noi è giunto il momento di assumersi le proprie responsabilità e riconoscere l’assoluta incapacità dell’attuale ANPI Romana di essere presente e forte sulle tematiche dell’antifascismo.

Noi cerchiamo di onorare ogni giorno la memoria storica del sacrificio del nostri Partigiani, che con la guerra di Resistenza ci hanno fatto dono della Libertà dal nazifascismo. Ai Partigiani guardiamo per cercare l'esempio e il coraggio per affrontare tutti i fascismi che ancora oggi esistono.
Ci sentiamo offesi, in quanto iscritti all'Associazione Nazionale Partigiani Italiani, dalla posizione succube ed equidistante dell’ANPI Roma, che con il proprio comunicato di facciata continua a non rappresentare ciò che i militanti antifascisti chiedono a gran voce: un’associazione che ricordi i Partigiani quali esempio di Lotta e Resistenza, ma che faccia del loro insegnamento uno strumento per continuare la Resistenza al fascismo, al sionismo, al razzismo ogni giorno, nelle strade, nei quartieri nella città. Noi Amiamo la Resistenza ed Odiamo gli indifferenti

Ieri partigiani, oggi antifascisti.
Ora e sempre RESISTENZA
*********************************************

Ecco l'agenzia Adnkronos che ristabilisce la verità dei fatti:

25 APRILE: TENSIONI A CORTEO ANPI ROMA, COMUNITÀ EBRAICA DENUNCIA AGGRESSIONE = PORTAVOCE, AGGREDITI DA RAGAZZI CON BANDIERE PALESTINESI Roma, 25 apr. - (Adnkronos) -
Tensioni questa mattina al corteo dell'Anpi a Roma per il 25 aprile tra alcuni ragazzi che esponevano bandiere palestinesi ed esponenti della Brigata Ebraica. Alla partenza della manifestazione, denuncia all'Adnkronos il portavoce della comunità ebraica di Roma, Fabio Perugia, «alle 9.15 dalla metro Colosseo sono spuntati una cinquantina di ragazzi con le bandiere palestinesi e hanno iniziato ad aggredirci verbalmente. Fortunatamente le forze dell'ordine hanno impedito che i due gruppi venissero a contatto». «Successivamente, dopo la partenza del corteo, una decina di ragazzi che stavano raggiungendo il gruppo della Brigata Ebraica sono stati aggrediti fisicamente da quelli con le bandiere palestinesi - prosegue Perugia - le forze dell'ordine sono intervenute per sedare gli animi e il corteo è poi ripartito». «La comunità ebraica oggi porta in piazza lo striscione della Brigata Ebraica, che era il movimento che ha lottato per la resistenza - spiega Perugia - Non si capisce cosa c'entrino le bandiere palestinesi: l'unico Stato che conta oggi, in questa giornata, è lo Stato italiano». Al corteo, che terminerà a Porta San Paolo, partecipa anche Riccardo Pacifici, presidente della comunità ebraica di Roma. (Laf/Zn/Adnkronos)


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT