lunedi` 21 settembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco il volto dell' 'islam moderato' (sottotitoli a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
04.03.2013 Menzogne omissive sul New York Times
analisi di Angelo Pezzana

Testata: Informazione Corretta
Data: 04 marzo 2013
Pagina: 1
Autore: Angelo Pezzana
Titolo: «Menzogne omissive sul New York Times»

" Menzogne omissive sul New York Times "
analisi di Angelo Pezzana


Steven Erlanger      Charles Enderlin


Al Dura, per leggerne la storia:
http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=120&id=43508
http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=120&id=28734

Una delle forme più sottili di delegittimazione di Israele, ma anche dell’antisemitismo, come vedremo, è la menzogna omissiva. Raccontando una mezza bugia – o una mezza verità – si ottiene il risultato di impedire la conoscenza esatta, precisa, vera di un avvenimento.

Il New York Times, il giornale più influente al mondo, ne è un esempio illuminante. Nel numero del 24 febbraio sorso, l’articolo a tutta pagina 11, nel commentare l’intervento francese nel Mali, sottolinea quanto questo genere di operazioni anti-terrorismo da parte di una paese occidentale provochino la reazione islamica, una giustificazione/spiegazione del perché poi seguono le stragi sul suolo europeo. La pagina è illustrata dall’immagine di Mohammed Merah, che nel marzo dello scorso anno era stato l’autore della strage davanti alla scuola ebraica di Tolosa, uccidendo tre bambini ebrei e un rabbino. Si scoprì successivamente che era stato anche lui ad uccidere tre soldati francesi di stanza in città. E’ la didascalia sotto la foto di Merah a colpire: “Merah, 23 anni, ha ucciso sette persone lo scorso marzo a Tolosa. C’è da aspettare altra violenza come questa”.
Avete letto bene, la strage non è avvenuta davanti ad una scuola ebraica, i cadaveri non erano quelli di quattro ebrei; unendoli ai tre soldati, sono diventati tutti “persone”, il che è una mezza verità. Non dire però che l’azione terrorista aveva come obiettivo una scuola ebraica, il giornalista impedisce al lettore di capire il fenomeno del terrorismo anti-semita islamico, nascondendone le radici che l’hanno provocato e nutrito.

Veniamo allora all’autore dell’articolo, a sua difesa potrebbe essere poco informato, in buona fede. E invece no, è Steven Erlanger, corrispondente per anni dello stesso NYTimes da Gerusalemme, ora a Parigi, ebreo-israeliano per giunta, quindi uno che la materia la conosce benissimo, anche se le sue corrispondenze erano sempre da catalogare fra quelle particolarmente ostili allo Stato ebraico, in accordo peraltro con la linea del giornale per il quale scrive. Gemello di quel Charles Enderlin, il mai dimenticato corrispondente di France 2, responsabile di avere diffuso il caso del bambino al Dura, una delle più eclatanti menzogne che siano state mai inventate ( vedere i link su IC…)da una televisione europea. Enderlin, come Erlanger, corrispondente da Israele della televisione francese, ebreo di nazionalità anche israeliana, si era bevuta la bufala dell’uccisione del piccolo al Dura fra le braccia del padre da parte dei soldati israeliani, in realtà tutta una messa in scena, come ha poi dimostrato un tribunale parigino, dopo la denuncia di Philippe Karsenty, un coraggioso giornalista francese, ebreo ma di tutt’altra pasta, che aveva denunciato per falso France 2 e vinto la causa.

Erlanger, Enderlin, esempi di un giornalismo spazzatura che non solo inganna i lettori, ma si rende corresponsabile di un terrorismo che minaccia non solo gli ebrei e Israele, ma l’intero Occidente.

La morale che ne trae il New York Times è che non c’è sufficiente dialogo con i musulmani europei, che pur essendo di seconda o terza generazione, non si sono integrati nelle nostre società. Il sospetto che la mancata integrazione dipenda dalla cultura d’origine, dal rifiuto di accettare i nostri stili di vita, dal perseguire spesso con violenza l’obiettivo di islamizzare l’Europa non sfiora le menti candide dei nostri ‘esperti’. Il risveglio ci sarà, dobbiamo augurarci che non avvenga troppo tardi.


Angelo Pezzana


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT