martedi` 24 novembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Che cos'è il sionismo? Un video per capire da guardare e diffondere (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
07.10.2012 Non dimentichiamo
Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Testata: Informazione Corretta
Data: 07 ottobre 2012
Pagina: 1
Autore: Ugo Volli
Titolo: «Non dimentichiamo»

Non dimentichiamo
Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Cari amici,

una delle abitudini dei giornali è quella di dedicare grandi paginate agli anniversari: centenari, bicentenari, cinquantenari. Diciamo che è un po' una manncanza di fantasia. C'è anche un certo numero di pagine Internet dedicate al tema (http://www.italiaculturale.it/anniversari-2012-centenari-2012/ , http://www.blitzquotidiano.it/societa/2012-ricorrenze-e-anniversari-1065973/ , http://www.alinariarchives.it/images/PDF/Ricorrenze_2012_IT.pdf),  secondo cui sarebbero passati 1200 anni dall'editto di Caracalla che concesse la cittadinanza a tutti gli abitanti dell'impero nel 212 (in realtà sono 1800, se la mia aritmetica non sbaglia, ma non fa differenza), 500 anni dalla morte di Vespucci, cento da quella di Pascoli e dalla concessione del suffragio universale in Italia (universale sì, ma solo per gli uomini...). Nel 2013 sappiamo già che dovremo festeggiare il secondo centenario della nascita di Giuseppe Verdi e il settimo di Boccaccio: attenzione per gli studenti che fanno la maturità e per i redattori delle pagine culturali.
Abu Abbas,l'assassino,
Leon Klinghoffer, la vittima,
Craxi e Arafat,
i complici


Ma ci sono degli anniversari che bisogna ricordare, anche se non fanno cifra tonda. Oggi, per esempio, ricorre il ventisettesimo anniversario del dirottamento dell'Achille Lauro, la nave italiana che fu assalita da un commando palestinese esattamente il 7 ottobre 1985. Come andarono le cose si sa: ci fu una "mediazione" di Arafat, che spedì a bordo il suo vice Abu Mazen (vi dice qualcosa questo nome?) a bordo, con l'ordine di ritirarsi, avendo ottenuto una promessa di impunità per il dirottamento. Sennonché i terroristi non avevano fatto solo "propaganda armata", si erano presi il gusto di ammazzare un cittadino americano ebreo, giusto per chiarire in piccolo qual era lo scopo della loro "lotta": Leon Klinghoffer, paralizzato e dunque incapace di sottrarsi alla vigliaccheria dei terroristi. Dopo varie vicissitudini, gli americani riuscirono a bloccare su suolo italiano il commando terrorista in fuga, con l'intenzione di portarlo a un regolare processo. Lo impedì con le armi dei carabinieri Craxi, allora presidente del consiglio col pretesto di  "difendere la dignità nazionale": un gesto che probabilmente gli valse il rifugio a Tunisi qualche anno dopo, durante la tempesta giudiziaria e politica di "Mani pulite". (http://www.focusonisrael.org/2008/04/14/dirottamento-achille-lauro-7-ottobre-1985/)

Perché ricordare questo anniversario? Perché ogni tanto si tende a dimenticare che la dirigenza attuale dei palestinesi - tutta, non solo Hamas - si è formata ed è stata selezionata in decenni di attività terrorista. Gli accordi di Oslo (del '93, contemporanei di Mani pulite...) furono motivate dall'illusione di una parte della politica israeliana che l'Olp fosse disposto a chiudere definitivamente questa fase e a dedicarsi in buona fede alla costruzione di un'economia e di uno stato per la loro popolazione, rinunciando alla lotta armata e all'intenzione di distruggere Israele, magari paralizzandolo prima e seguendo il modello del delitto Klinghoffer. Fu per l'appunto un'illusione: lo spostamento dell'apparato dell'Olp nel territorio dato loro dagli accordi comportò un aumento del numero e della gravità degli attentati e una militarizzazione della società araba dei territori, che esplose poi nell'ondata terroristica 2000-2004.

Da allora le cose non sono cambiate sostanzialmente, come non è mutata l'ideologia palestinese. Solo la loro tattica si è fatta più sofisticata, includendo un vittimismo propagandistico e una ricorso sistematico al sistema dei media e degli organismi internazionali. Anche la tolleranza, per non dire la complicità, col terrorismo dei "progressisti" occidentali non è cambiata, è solo anch'essa diventata più sofisticata e complessa sul piano diplomatico, politico, mediatico, giudiziario.

 Per questo bisogna ricordare Klinghoffer e le migliaia di vittime del terrorismo palestinese, come quest'estate si è fatto con gli atleti di Monaco. Per evitare che lo schermo fumogeno delle flottiglie, dei ricorsi all'Onu, delle denunce, dei rituali terzomondisti occulti la semplice base omicida del terrorismo palestinese.

P.S.
Dopodomani cade anche la data di un altro crimine palestinese che ci riguarda, il trentesimo anniversario dell'omicidio del piccolo Stefano Gay Taché. E' importante ricordare anche lui, che ci insegna le stesse cose di Klinghoffer: la violenza nazista dei terroristi palestinesi e la complicità della politica italiana, inclusa la sinistra e i sindacati.



Ugo Volli


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT