domenica 23 luglio 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La disinformazione dei media contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Informazione Corretta Rassegna Stampa
30.01.2012 Si può fare la pace con le SS?
Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Testata: Informazione Corretta
Data: 30 gennaio 2012
Pagina: 1
Autore: Ugo Volli
Titolo: «Si può fare la pace con le SS?»

Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Si può fare la pace con le SS?

Cari amici, vi ricordate la strage di Itamar? Di tutta l'orribile, interminabile carneficina che gli arabi pratica da novant'anni contro gli ebrei (non gli "occupanti", dato che hanno iniziato ben prima del '67; non gli israeliani, visto che hanno incominciato decenni avanti il '48. contro gli ebrei, come essi stessi dicono spesso), di tutti i fiumi di sangue, il fumo di carne bruciata, i gemiti, gli arti smembrati che da veri eredi dei nazisti hanno prodotto senza posa, anno dopo anno, luogo dopo luogo,  di tutto l'odio, la furia omicida, la bestialità patologica che hanno mostrato, questo è uno degli episodi peggiori.

Due giovani arabi, Amjad Awad and Hakim Awad, rispettivamente di 19 e 18 anni, abitanti in un paese vicino, Awarta, entrarono verso le nove di sera dell'11 marzo dell'anno scorso nel villaggio ebraico di Itamar, cinque chilometri a sudest di Nablus, fondato nel 1984 e abitato da circa mille abitanti per lo più religiosi. Armati di coltelli, si infilarono oltre la barriera di sicurezza senza essere scoperti, entrarono nella villetta della famiglia Chai per sua fortuna in vacanza, dove rubarono un fucile. Poi, verso le dieci e mezza penetrarono nella casa della famiglia Fogel. "I due entrarono nella camera dei bambini, dissero all' undicenne Yoav, che era stato svegliato dal loro ingresso, di non aver paura, poi lo portarono in una stanza vicina, e gli tagliarono la gola. Hakim Awad poi strangolò Elad  di quattro anni, mentre Amjad Awad la accoltellava due volte al petto. I due poi entrarono nella stanza dei genitori e accesero la luce, svegliandoli. I genitori lottarono con gli assassini. Ehud Fogel fu sgozzato, e Ruth Fogel accoltellata al collo e alla schiena e poi colpita con un colpo di fucile, essendosi accorti i due che non era morta. Gli assassini lasciarono la casa, temendo che i colpi fossero stati sentiti. Usciti, videro un veicolo di pattuglia, ma si resero conto di non essere stati scoperti; discussero se fuggire o compiere attacchi in altre case. Amjad poi rientrò a casa Fogel sentendo che Hadas Fogel, neonata di tre mesi piangeva: Amjad la decapitò. Gli attentatori non notarono altri due bambini addormentati in un'altra stanza. Nella loro confessione hanno detto che non avrebbe esitato a ucciderli se li avessero notati. Lasciarono invece l'insediamento senza essere scoperti. La famiglia li protesse,  fornendo loro falsi alibi. Le autorità palestinesi cercarono di insinuare che la colpa del massacro fosse di un lavoratore tailandese licenziato dal villaggio. Una volta catturati, i due però non negarono, anzi si vantarono del massacro.  (http://en.wikipedia.org/wiki/Fogel_family_massacre)

Una strage a sangue freddo, senza provocazione, fatta a caso, come gli attentati suicidi, ma con le mani, guardando in faccia una per una le vittime. Neonati decapitati, bambini piccoli accoltellati, una famiglia scelta a caso distrutta. Un orrore degno di Auschwitz. Molto al di là del terrorismo "normale" I giornali italiani ne hanno parlato poco, i pacifisti evitano il discorso. Come si fa a difendere una simile orripilante macelleria? In nome di quale causa si potrebbe concepire un'aberrazione del genere?

In occidente non se ne parla. In "Palestina" invece sì. Per richiedere la liberazione degli assassini, come ha fatto ancora l'altro giorno il non-negoziatore palestinese Erekat e spesso lo stesso Abu Mazen: tutti i "prigionieri politici", dice lui, debbono essere rilasciati, come condizione per iniziare le trattative.  Fuori dal sofisticato contesto diplomatico, gli arabi dell'Autorità Palestinese, della moderata e pacifica Autorità con cui Israele ha il torto di non fare subito la pace fidandosi della loro buona volontà, se ne parla per esaltarla, per esserne fieri. Guardate, per favore, questo video tratto dalla televisione ufficiale dell'Autorità Palestinese (19 e 21 gennaio 2012), leggete la trascrizione e vi renderete conto: http://elderofziyon.blogspot.com/2012/01/pa-tv-praises-murderers-of-fogels-as.html.

Conduttore televisivo: "Abbiamo una chiamata dalla famiglia del prigioniero Hakim Awad."
Madre di Hakim Awad: "Vi ringrazio per il collegamento con mio figlio, perché io e tutta la famiglia viene impedito per motivi di sicurezza [di visitarlo].
Conduttore: "Vai avanti, la sorella, siamo in grado di trasmettere la vostra voce."
Madre di Hakim Awad: "Il mio saluto al caro Hakim,  pupilla dei miei occhi, dal villaggio di Awarta, 17 anni, che ha effettuato l'operazione di Itamar, condannato a 5 ergastoli e altri 5 anni di prigione ".
La zia di Hakim Awad:. "Sono la sorella di prigioniero e di Awad Hassan Salah Awad, [sono] Um Habib, dal villaggio di Awarta. Mando il mio cordiale saluto a tutti i grandi eroici prigionieri, a mio fratello Hassan Awad, capo del consiglio del villaggio, a mio fratello Salah Awad,  giornalista ed eroico prigioniero;  all'eroico, risoluto prigioniero, il leone, Yazid Awad, mio nipote;. e a mio nipote Hakim Awad, l'eroe, il mito "
Conduttore: "Anche noi [PA TV], da parte nostra, mandiamo loro i nostri saluti ".
La zia di Hakim Awad: "Dedico questa canzone a Hassan Awad, Yazid Awad, Hakim Awad, e Salah Awad, in carcere:

'Mio fratello, in isolamento, la tua voce mi chiama
Tu non abbandonare il fucile
Questo è ciò che la patria ha chiesto da me
Di fronte ai tuoi occhi, siamo tutti combattenti e martiri.
Vi mando la mia gratitudine al suono dei proiettili di Ahmad Sa'adat e Hakim Awad '".

Non sono capace di commentare queste battute, se non dicendovi che l'Autorità Palestinese, Al Fatah, Hamas, tutte le fazioni in cui sono divisi, non hanno mai fatto distinzioni fra "lotta armata" e bassa macelleria. Certamente i terroristi sono stati molti nelle lotte politiche del Novecento. Ma Che Guevara, Mao Tsetung, i terroristi baschi e quelli irlandesi, le nostre Brigate Rosse non avrebbero sgozzato una neonata, non se ne sarebbero vantati, non avrebbero accettato che i "combattenti" fossero confusi con i sadici che  strangolano i bambini. I "palestinesi" no, non distinguono, onorano tutti come eroi. Il solo paragone possibile è quelo con le SS dei campi di concentramento. Ma si può fare la pace con le SS?

Ugo Volli


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT