martedi` 31 marzo 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Bernie Sanders contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
03.05.2011 Brindiamo, alla faccia degli ipocriti
Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Testata: Informazione Corretta
Data: 03 maggio 2011
Pagina: 1
Autore: Ugo Volli
Titolo: «Brindiamo, alla faccia degli ipocriti»

Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Brindiamo, alla faccia degli ipocriti



Cari amici,
avete letti gli ipocriti? Più sul web che sui giornali, ma tanti: "non bisogna mai essere contenti della morte di qualcuno", "la vita umana è sempre sacra", "avrebbero fatto bene a processarlo, che cosa avevano da nascondere"... Qualcuno nel mondo ebraico più "illuminato" ha tirato fuori un celebre Midrash (cioè un commento rabbinico antico, dai toni leggendari come spesso capita), secondo cui quando il Faraone e l'esercito egiziano affogarono nel Mar Rosso, gli angeli si misero a esultare, ma il Santo Benedetto li zittì, dicendo loro che erano comunque morti dei Suoi figli e dunque bisognava essere tristi. Fatto sta che nella Bibbia ci è rimasta la "cantica del mare" intonata da Mosé nella stessa circostanza, magnifico poema di gioia e di vittoria, che molti devoti ebrei cantano alla funzione di Shabbat.
Insomma, io sono contento, contentissimo. Penso che aver schiacciato la testa del serpente islamista sia una grande vittoria, come testimonia il lutto di Hamas(e del nuovo governo egiziano "democratico") per la morte del "santo combattente islamico" (http://www.focusonisrael.org/2011/05/02/morte-bin-laden-hamas/) . Quella che Bin Laden aveva aperto contro l'Occidente e Israele era una guerra, o piuttosto un fronte di una guerra che è la stessa condotta dai terroristi islamisti in tutto il mondo. E' una guerra per il nostro futuro, per la sopravvivenza non solo di Israele, ma della democrazia, della libertà di religione (e di non religione), di opinione, di vita, per i diritti delle donne e di tutti coloro che non vogliono vivere secondo le regole medievali dell'Islam. Non è una guerra dell'Occidente contro l'Islam, ma di una parte consistente dell'Islam (quella più militante e integralista, che è consistente; non certo di pochi estremisti) contro l'Occidente e innanzitutto Israele. Bin Laden non ne era il capo assoluto, ci sono gli iraniani, i palestinesi, gli afgani, i sauditi, i pakistani (che ospitavano da anni Bin Laden in una villa superblindata in una località molto di moda, a poche centinaia di metri da un'accademia militare...). La guerra non è finita, purtroppo. La morte di Bin Laden non è la morte di Hitler, cui non restava più territorio, né esercito, né alleati. Ma è importante, è una grande vittoria. Brindiamo, dunque, e da oggi occupiamoci dei problemi che seguiranno

Ugo Volli


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT