martedi` 02 giugno 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Viaggio alla scoperta del Kotel (Muro occidentale) a Gerusalemme (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
30.04.2010 Comprereste una religione usata da questa gente?
Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Testata: Informazione Corretta
Data: 30 aprile 2010
Pagina: 1
Autore: Ugo Volli
Titolo: «Comprereste una religione usata da questa gente?»

Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Comprereste una religione usata da questa gente?



Cari amici, siete interessati all'efficacia sbiancante dei detersivi che si vendono in India? Alla correttezza negoziale dei venditori di macchine usate in Sudafrica? All'efficacia dei freni delle automobili prodotte per il mercato interno cinese? Alla bellezza dei programmi della televisione cilena? Non tanto, immagino. Ma di televisioni, automobili, detersivi e quant'altro offerti sul mercato italiano immagino di sì. Questa è la risposta a un dubbio che ogni tanto qualcuno avanza sul mio eccessivo interesse per le faccende islamiche. Il fatto è che questo prodotto è offerto da noi, a differenza del giainismo o dello scintoismo; anzi rischia di essere imposto come un futuro monopolio sul mercato di casa nostra. Dunque ce ne dobbiamo certamente interessare.

Per esempio, quella notiziola apparsa fuggevolmente qualche giorno fa sui giornali e puntualmente riportata da Informazione Corretta, l'avete notata? Quella che parla di certe bambine afgane che hanno avuto la pretesa, pensate un po', di andare a scuola contro le abitudini locali e che per questo grave peccato sono state gasate dai talebani? Sì, gasate come i mobili in cui si siano trovati i tarli, o piuttosto come quegli ospiti dei campi tedeschi di cui si interessava così tanto Amin Husseini, il fondatore del nazionalismo palestinese e predecessore di Arafat, che andò a ispezionare Auschwitz sperando di trarne qualche utile lezione... Naturalmente  i talebani sono un po' più primitivi delle SS, le loro camere a gas perdono e dunque sembra che le scolarette non siano morte, almeno non tutte, e che solo un centinaio siano finite in ospedale (http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/esteri/201004articoli/54425girata.asp).

Ci vuole molto stomaco per gasare delle bambine, quasi quanto ce ne voleva per ammazzare milioni di ebrei (inclusi naturalmente i bambini ebrei). Ma in questo caso la motivazione non è razzista, le bambine sono afgane anche loro; è la difesa della disuguaglianza di genere, la riaffermazione dell'inferiorità delle donne. Lascio giudicare a voi cosa cambi.

Il fatto è che per l'Islam non bisogna che le donne siano libere. Devono restare prigioniere del burka, appartenere allo harem di uno sceicco (o anche di un macellaio, come vi ho raccontato l'altro giorno). Devono sposarsi a 11 anni. Non devono studiare. Questo è un ingrediente essenziale nel prodotto che cercano di venderci. E di cui molti occidentali "progressisti" si sono eletti agenti pubblicitari. Vi meraviglia, per esempio, alla luce di questa notizia, che la responsabile dei diritti delle donne di Amnesty International abbia violentemente protestato quando la sua organizzazione ha scelto come testimonial un talibano non pentito rilasciato da Guantanamo, come vi ho raccontato un mesetto fa? Il prodotto, nella sua ricetta originale contiene questo: odio per le donne, odio per i non islamici, ebrei e cristiani in primo luogo. Violenza. Intolleranza. Guerra santa. Comprereste una religione usata da questa gente? Io no.

Ugo Volli


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT