domenica 05 luglio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Che cos'è il sionismo? Un video per capire da guardare e diffondere (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
10.04.2010 Fatalità ? No, barbarie
Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Testata: Informazione Corretta
Data: 10 aprile 2010
Pagina: 1
Autore: Ugo Volli
Titolo: «Fatalità ? No, barbarie»

Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

" Fatalità ? No, barbarie "

Cari amici,
un lettore ci ha giustamente rimproverato di non aver dato sufficiente rilievo alla storia di Ilham Mahdi Shui al-Asi. E’ vero, ma IC rispecchia la stampa italiana ed è essa, anzi tutta la stampa occidentale, a non averne parlato abbastanza. E’ un fatto significativo, che va messo in rilievo; ma la forma del nostro sito aiuta a parlare di quel che c’è, delle tendenziosità e inesattezze sul Medio Oriente manifestate dalla stampa negli articoli che pubblica piuttosto che di quelle implicite nei suoi silenzi.  Le cartoline però sono più libere da questo vincolo e oggi cercherò di rimediare.
Ilham Mahdi Shui al-Asi è una bambina yemenita di tredici anni; anzi lo era, perché è morta qualche giorno fa «per lesioni gravissime all'apparato genitale, che hanno portato ad emorragie fatali» come recita il comunicato medico (http://www.corriere.it/esteri/10_aprile_08/bimba_sposa_morta_matrimonio_f1f7ab7c-4315-11df-ad88-00144f02aabe.shtml). In sostanza è stata violentata a morte. Da banditi di passaggio, che non mancano da quelle parti? Rapitori, terroristi, drogati, comunque criminali? No, dal suo legittimo sposo, tre giorni dopo le nozze. “Per i medici, Ilham Mahdi Shui al-Asi, è questo il nome della piccola, non era ancora pronta per il matrimonio e la violenza sessuale subita dal marito l'ha portata alla morte.”
Fatalità? No, barbarie. L’ennesima vittima della schiavitù delle donne imposta dall’Islam. Quando qualche mese fa circolò largamente la foto delle spose bambine di Gaza, l’abbiamo pubblicata raccontando anche su IC che è permesso agli islamici sposare delle bambine di 8 anni come fece il profeta, e meritorio però attendere gli 11 per consumare. Qualcuno replicò che no, l’età a cui si sposano le bambine è “ben” tredici anni. Infatti.

Ugo Volli


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT