lunedi` 16 luglio 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I missili dei terroristi islamici (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Nikki Haley all'Onu contro la demonizzazione di Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Informazione Corretta Rassegna Stampa
15.02.2010 Se Israele sostiene di essere innocente, perché non si fa processare?
Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Testata: Informazione Corretta
Data: 15 febbraio 2010
Pagina: 1
Autore: Ugo Volli
Titolo: «Se Israele sostiene di essere innocente, perché non si fa processare?»

Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Se Israele sostiene di essere innocente, perché non si fa processare?

Cari amici, vi ricordate da qualche cartolina fa la baronessa Tonge, deputata dei liberal-democratici inglesi e "benefattrice" del giornale "Palestine Telegraph", che aveva sostenuto la necessità che Israele aprisse un'inchiesta per indagare se davvero non aveva piratato gli organi interni degli haitiani col pretesto di soccorrerli, come si diceva in giro? Rimproverata duramente dal suo partito, la nobildonna ha spiegato che non c'era nulla di male nella sua considerazione, che anche lei credeva che le accuse fossero false anche perché "gli organi sarebbero inutili in quella situazione"e che solo "per prevenire la diffusione di accuse come queste, che sono già state diffuse su "You tube", l'esercito e l'associazione medica israeliana dovrebbero immediatamente stabilire una commissione di inchiesta indipendente per ripulire l'immagine (clear the name) dell'equipe israeliana a Haiti" (http://www.jpost.com/International/Article.aspx?id=168621)
Anche Goldstone e i suoi sostenitori hanno amichevolmente ma insistentemente incoraggiato Israele a stabilire una commissione di inchiesta, naturalmente indipendente sull'operazione di Gaza, e lo stesso praticamente per ogni situazione in cui Israele è coinvolto: le costruzioni al di là della linea verde, gli arresti di Palestinesi eccetera eccetera: "Se dite di essere innocenti, perché non vi fate processare?" 
Vi ricorda qualcosa? A me sì, eccome. Avete presente l'inizio del "Processo" di Kafka? "Qualcuno doveva aver diffamato Josef K., perché, senza che avesse fatto nulla di male, una mattina venne arrestato." Essendo stato calunniato, è processato; ma il processo è esso stesso una punizione e anche una colpa ulteriore; fino a che un bel giorno, senza avere mai capito di che cosa era colpevole, oltre alla sua nuda vita, Joseph K. viene eliminato dagli sgherri del tribunale. Il romanzo di K. ha evidenti aspetti teologici e descrive una millenaria condizione ebraica.
Ma si può leggere anche come un esempio del meccanismo fondamentale dei mezzi di comunicazione di massa. In Italia negli ultimi anni è venuta fuori l'abitudine dei giornali di interrogare pubblicamente i loro avversari (sempre con 10 domande 10, forse sarà un effetto decalogo): se non accettano sono colpevoli perché evidentemente non sanno come difendersi; se rispondono, come avverte la polizia americana nei telefilm, "le sue parole potranno essere usate contro di lei". Lo stesso accade con Israele. Se non processa la splendida équipe di soccorso a Haiti (e Tsahal, e i suoi stessi ministri e... e...) vuol dire che ha qualcosa da nascondere. Se lo fa, vuol dire che in fondo ammette che una colpa dev'esserci. E brava baronessa Tonge. Magari, essendo nobile e certamente elegante, potrebbe vestirsi con quel "un vestito nero attillato che, come gli abiti da viaggio, era dotato di diverse pieghe, tasche, fibbie, bottoni e di una chiusura e che di conseguenza, benché non fosse chiaro a cosa dovesse servire, sembrava particolarmente pratico". che caratterizza i messi del tribunale di Kafka. E i suoi sicari.

Ugo Volli


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT