lunedi` 06 luglio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Che cos'è il sionismo? Un video per capire da guardare e diffondere (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
24.11.2009 Chi ama la vita, chi la morte !
Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Testata: Informazione Corretta
Data: 24 novembre 2009
Pagina: 1
Autore: Ugo Volli
Titolo: «Chi ama la vita, chi la morte !»

Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

" Chi ama la vita, chi la morte ! "


Marwan Barghoti, 5 ergastoli, sarà libero ?

Cari amici, qualche giorno fa vi ho intrattenuti con lo studio finanziario dell'annuncio economico di Hamas (o della sua "charity" Waad) che proponeva l'acquisto di un soldato israeliano, pronta consegna a Gaza, in cambio di un milione di euro. Il fatto è, come sapete, che un soldato israeliano rapito loro ce l'hanno, si chiama Gilad Shalit, è nelle mani dei criminali da oltre tre anni, e ora sembra che stiano per "spenderlo" sul mercato, in cambio di terroristi arrestati da Israele.
Non intendo giudicare né qui né altrove questo scambio; io scrivo comodamente seduto nel mio studio di Milano, senza terroristi che mi diano la caccia (almeno finché Eurabia non dà loro troppa corda). Ho fatto il mio servizio militare tanti anni fa in un'officina di riparazioni per camion e carri armati in una periferia industriale italiana, dove il pericolo principale era attraversare lo stradone che costeggiava la caserma, per via degli automobilisti, diciamo, un po' frettolosi. Nessuno mi voleva rapire, non dovevo difendere nessuno da pericolosi terroristi. So di non avere il diritto di spiegare agli israeliani se sia più importante salvare a ogni costo un ragazzo rapito o più pericoloso rilasciare centinaia di terroristi che cercheranno di rapirne degli altri e di ammazzare chi gli capita in Israele. E' una scelta drammatica, qualunque cosa farà il governo israeliano, con la coscienza dolorosa di chi subisce un ricatto, io la appoggerò per fiducia e per amore.
Vorrei dunque qui solo proseguire il nostro ragionamento economico. Se un nuovo soldato vale un milione, questo è pure il prezzo di Shalit, attribuito dai suoi rapitori. Questi però gli danno anche un altro prezzo, vogliono in cambio della sua liberazione mille terroristi condannati e detenuti dalle prigioni israeliane. Lasciamo stare la differenza fra pluriomicidi come Barghouti, omicidi semplici, comuni fiancheggiatori: diciamo che nella media il loro valore si eguagli. Quanto vale dunque uno di questi terroristi? E' una semplice divisione: un millesimo di un milione; dunque in media per Hamas uno dei suoi criminali prigionieri vale mille euro. Non è granché, no? Dato che si tratta di macellai, non manchiamo loro di rispetto se li valutiamo a pezzi: fra i 20 e i 40 euro al kilo, scarti inclusi.
A parte questi dettagli un po' macabri, non siete colpiti dall'immensa differenza di prezzo? E' sempre stato così, anche l'anno scorso, con lo scambio fra i resti mortali dei due soldati rapiti e ammazzati da Hezbullah e qualche decina di detenuti, fra cui uno particolarmente efferato. E prima ancora altre volte: gli scambi sono sempre stati impari. Sapete perché? L'hanno spiegato loro molte volte, l'ultima Nidal Hassan, l'attentatore palestinese che ha ammazzato dieci giorni fa una ventina di soldati americani a Fort Hood: "voi amate la vita, noi amiamo la morte." Per questo, ritengono Hassan e quelli come lui, vinceranno certamente.
Io, che pure sono assai pessimista sulla situazione attuale, non credo. Non solo perché ho fiducia nella ragione e so che le motivazioni positive sono più forti di quelle negative. Ma soprattutto perché ricordo chi ha usato degli slogan analoghi prima dei macellai palestinesi. C'era un tronfio e mediocre generale spagnolo che prese il potere al suono dello slogan grottesco "Viva la muerte!"; qualcosa di analogo dicevano i nostri fascisti ("Me ne frego!") naturalmente i nazisti tedeschi e tutti i loro amici, incluso quel muftì di Gerusalemme che è il padre spirituale del movimento palestinese. Hanno fatto danni immensi, con la loro tanatofilia. Ma dove sono finiti? Di che imperi si sono imadroniti? Come dice quella poesia di Brecht, ecco la terra che hanno finito per conquistare: una fossa lunga due metri, profonda altrettanto e larga uno. Altrettanto, io spero, accadrà ai terroristi di oggi.

Ugo Volli


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT