martedi` 31 marzo 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Bernie Sanders contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
08.11.2009 Chi ama Israele ? 13 modi per riconoscersi
Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Testata: Informazione Corretta
Data: 08 novembre 2009
Pagina: 1
Autore: Ugo Volli
Titolo: «Chi ama Israele ? 13 modi per riconoscersi»

Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

" Chi ama Israele ? 13 modi per riconoscersi "

Ci sono gli antisemiti puri e semplici, quelli che gli ebrei hanno il nasone e vogliono dominare il mondo. Sono il 90% del mondo islamico e parecchi altri. Ma non  basta. Vicino a loro ci sono quelli che "io non sono antisemita, non sono antirazzista; ma antisionista sì, perché il sionismo è una forma di colonialismo". Diciamo il 90 % dei comunisti, ex e post. Ma non basta. Ci sono quelli che dicono "io non sono antisemita, io non sono antisionista, sono per Israele, amo Israele; ma sono contro le sue politiche, contro il suo governo [e dunque anche contro il popolo che l'ha scelto, ma questo di solito non lo dicono], bisogna prenderli a ceffoni per il loro bene." Sono il 90% della sinistra ebraica, i Goldstone, i J Street eccetera. Per costoro, la "chutzpa lobby", come li chiama qualcuno, o per chi si trova a discutere con costoro, vi riassumo e vi adatto qui qui un decalogo, anzi un 13-logo scritto da un grande intellettuale ebreo americano, Mitchell Bard, direttore della Jewish Virtual Library, su come si distingue oggi uno che "ama Israele" per davvero, al di là di tutte le retoriche e i buonismi. Chi ama Israele:
1. Crede che il popolo ebraico sia una nazione che ha diritto all'autodeterminazione nella sua patria, che è Israele
2. Rispetta la democrazia israeliana e non sostituisce il suo giudizio a quello degli elettori israeliani
3. Enfatizza ciò che di buono fa Israele, senza nascondere i suoi errori, non enfatizza gli errori ignorando gli aspetti positivi
4. Critica Israele, se deve farlo, prima di  tutto dentro il mondo ebraico e non cerca pubblicità facendo in pubblico l'ebreo dissenziente da Israele. Israele è forse la sola nazione il cui primo ministro consulta regolarmente i non cittadini.
5. Rifiuta l'idea che sia giusto criticare in pubblico il governo israeliano perché lo fanno i cittadini in Israele. Gli israeliani hanno esperienze e storia in comune, che gli abitanti degli altri paesi non condividono. La discussione in Israele e nella diaspora ha un senso diverso.
6. Rispetta il giudizio dei militari israeliani, che non sono infallibili, ma certamente ne sanno di più degli strateghi da salotto dei giornali europei.
7. Cerca di agire nel consenso. Magari questo significa rinunciare a qualche posizione, ma il consenso ebraico è uno dei pochi vantaggi sulla pressione della lobby araba.
8. Conosce la storia e i fatti del medio oriente e sa riconoscere gli errori della propaganda palestinese.
9. Non sostituisce il suo desiderio alla realtà. Tutti vorrebbero la pace, ma bisogna vedere se è possibile, non solo se sia desiderabile.
10. Non si allea con i nemici di Israele, anche per cause che appaiono "buone"
11. Conosce il suo ambiente comunicativo e sa che le sue parole potranno essere sfruttate perché dette da un ebreo o da un amico di Israele.
12. Sostiene gli sforzi per la pace del governo israeliano, comprendendone i rischi e le difficoltà, senza cullarsi nella sicurezza della sua casa in America o in Europa.
13. Desidera la pace, ma sa che per molti gruppi la ricetta per la pace in Medio Oriente è la sparizione di Israele e non si confonde con loro.

A questi punti io ne aggiungo un altro, che li riassume tutti: chi ama Israele oggi lo ama per davvero, come si ama un padre o un fratello maggiore, non come si ama un bambino piccolo da educare. Gli vuole bene, gli è legato, lo aiuta, è disposto a imparare da lui e ha fiducia in lui "a prescindere", perché conosce la sua natura e la sua identità. Il resto sono chiacchiere.

Ugo Volli


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT