domenica 11 aprile 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard delle Nazioni Unite contro Israele: le parole di Hillel Neuer (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
03.10.2009 Molto eurabici, i penultimatum di Obama
Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Testata: Informazione Corretta
Data: 03 ottobre 2009
Pagina: 1
Autore: Ugo Volli
Titolo: «Molto eurabici, i penultimatum di Obama»

Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

" Molto eurabici, i penultimatum di Obama "

 

Qual è il segno dei forti? La costanza naturalmente, la perseveranza, il non farsi influenzare dai dettagli. Prendete l'amministrazione Obama, per esempio e il dialogo, o meglio l'engagement. L'incontro con l'Iran a Ginevra è andato come sappiamo, gli iraniani hanno detto che non erano disposti a parlare del nucleare, non ne hanno parlato, ma hanno chiacchierato del più e del meno. Gli americani hanno fatto un bel penultimatum e in cambio hanno dato il permesso di arrivare a Washington, in deroga a ogni boicottaggio, al più importante funzionario iraniano che sia arrivato in America (a parte l'Onu) negli ultimi trent'anni. E' a Washington (non a New York), parla con deputati del congresso, incontra funzionari vari, insomma tutto normale come per uno Stato qualunque. Qual è il messaggio per l'Iran? Naturalmente che le cose vanno bene, che Obama fa la voce grossa per accontentare i sionisti, ma che sostanzialmente si può andare avanti così. Ma per Obama è fermezza, è tener duro sulla strategia del dialogo. Contento lui.
O prendete la Siria, per cambiare. Da un mese circa l'Iraq ha rotto le relazioni diplomatiche con la Siria perché non smetteva di mantenere le basi della rete terroristica che continua a fare sanguinosi attentati a Bagdad e dintorni – in cui fra l'altro spesso muoiono soldati americani. L'Iraq ha chiesto lo smantellamento di una rete logistica, la consegna di circa 200 ricercati; non avendola ottenuta ha ritirato l'ambasciatore. Che ha fatto Obama? Ha assicurato l'amicizia con entrambi gli stati, non ha ritirato i suoi rappresentanti, e ha addirittura offerto di mediare fra i due. Incredibile, no? Mediare fra chi ammazza i tuoi soldati e quelli che sono ammazzati accanto a te (e cui stai restituendo il paese dopo anni di guerra). E di nuovo, qualche giorno fa, ha invitato a Washington il viceministro degli esteri Fayssal Mekdad, la prima visita di questo livello da un sacco d'anni, che ha avuto incontri ufficiali ad alto livello. La ragione l'ha spiegata Obama in persona in una dichiarazione che vi ho già citato in un'altra cartolina: certo la Siria continua a fare un sacco di atti ostili, ma che volete, io sono un credente nell'engagement.
Per fortuna, il mondo è governato da un credente. Non in Dio, forse, ma nel dialogo. Un credente così credente che non gli importa dell'esperienza, che non accetta l'dea scettica che "errare humanum est, persevererare diabolicum." Uno che dopo dieci mesi di governo, un sacco di schiaffi in faccia da mezzo mondo e nessun risultato concreto positivo pensa ancora di essere così sexy che tutti faranno quello che vuole per il puro piacere di stringergli la mano. Che Dio ce la mandi buona

Ugo Volli


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT