venerdi 28 aprile 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La verità su Gerusalemme, capitale dello Stato di Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi difende davvero i diritti umani all'Onu? (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Informazione Corretta Rassegna Stampa
12.09.2009 Ma che brav'uomo quel Garlasco
Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Testata: Informazione Corretta
Data: 12 settembre 2009
Pagina: 1
Autore: Ugo Volli
Titolo: «Ma che brav'uomo quel Garlasco»

Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

" Ma che brav'uomo quel Garlasco "

 Marc Garlasco, HRW

Cari amici, che c'è di male nel fare collezioni? Di francobolli, di figurine, di quadri astratti, di ventagli cinesi, di riviste degli anni Trenta... certo, forse non affidereste vostra figlia bambina a un baby sitter collezionista di stampe pedopornografiche giapponesi, anche se dell'Ottocento, ma è un'eccezione, no? Be', insomma, a parte certi casi strani, il collezionismo è cosa eccellente, induce all'ordine, alla conoscenza, all'apprezzamento della bellezza e spesso anche dell'economia. Per questo non comprendiamo proprio certe reazioni israeliane, e anche del resto del mondo, contro la notizia dell'eccellenza collezionistica di un uomo chiave della più buona organizzazione non governativa che agisca in Medio Oriente, Human Right Watch (HRW). Si tratta del suo principale esperto militare Marc Garlasco. Garlasco è buonissimo, quello che ha scoperto e denunciato ripetutamente le menzogne dell'esercito israeliano. E' lui che ha spiegato come il lancio di notte di proiettili traccianti al fosforo , usato da decenni in tutti gli eserciti per aggiustare la mira o illuminare il campo di battaglia, fosse un crimine di guerra, dato che, ha scoperto Garlasco dopo lunghi studi, era avvenuto non nella giungla o in mezzo al mare, dov'è legittimo, ma in ambienti urbani e dunque poteva colpire i civili; lui che ha denunciato gli eccessi dei bombardamenti "eccessivi" e così via. Un eroe intellettuale, prima ancora che un indefesso difensore dei diritti umani
Insomma, un simbolo del pacifismo internazionale. Ora però qualcuno ha scoperto che questo signor Garlasco è un appassionato collezionista di oggetti nazisti, cui ha dedicato anche un dotto volume di 430 pagine, e che compra, vende, commercia, su cui emette giudizi ed expertise. Una vera e propria febbre collezionistica, tutta dedicata al nazismo. Il massimo esperto mondiale di uniforme naziste che pretende di giudicare la correttezza degli israeliani in guerra. Normale, no? Un collezionista di francobolli non potrebbe valutare l'efficienza delle poste? E uno che raccoglie medaglie olimpiche non potrebbe fare il cronista sportivo? In fondo il nazismo con gli ebrei c'entra, no? Non l'ha spiegato anche il leader palestinese Abbas, nella sua dotta tesi di laurea moscovita, che ci sono molte somiglianze e perfino un trascorso di collaborazione fra sionisti e nazisti? Non hanno scritto gli ebrei ultraortodossi della setta di Satmar sui muri di Gerusalemme che la polizia israeliano è la Gestapo sionista?
Ma l'addetto stampa di Netanyahu ha denunciato la cosa come una nuova caduta di HRW, la seconda in poco tempo dopo la denuncia del giro propagandistico alla ricerca di finanziamenti in un paese che è così poco rispettoso dei diritti umani e così poco neutrale nelle faccende mediorientali come l'Arabia Saudita.
L'organizzazione ha replicato che non c'è nulla di male, che il nonno di Garlasco era sì un soldato tedesco, e questo spiegava la sua attenzione per quel mondo, ma per carità, non era stato affatto nazista. Parole sante. Ma si potrebbe dire di più. Ci meravigliamo che HRW non abbia spiegato che in fondo bisogna ammettere che i nazisti erano piuttosto eleganti, loro e le loro uniformi, distintivi, ecc.; e che oggi anzi c'è una moda dell'abbigliamento nazista, tant'è vero che proprio in abiti nazisti il presidente della federazione automobilistica internazionale Mosley (già il figlio dell'ex capo del partito nazista inglese) si è fatto filmare mentre consumava un'orgia sadomaso con quattro prostitute – passione che forse gli costerà il posto; e che si è letto abbondantemente sui giornali italiani come il mese scorso nella ridente località di a S. Arcangelo di Romagna, come ha scritto la stampa "la sezione locale dell’Unione italiana di tiro a segno (Uits, anch’essa ricompresa nel vasto mondo venatorio) organizza una singolare rievocazione storica del 25 aprile con divise e stemmi nazisti, alla presenza del presidente dell'UITS Ernfried Obrist" (nomen omen).
Insomma, che male c'è? E' una moda, una passione popolare. E certamente un "senior military expert" di un'organizzazione che si occupa del conflitto fra arabi ed ebrei non può essere a digiuno di divise e stemmi nazisti. Se no, quando per caso incontrasse uno dei  numerosi gerarchi nazisti che si sono rifugiati nel mondo arabo, o qualcuno dei loro eredi, come potrebbe salutarli col titolo giusto? Come potrebbe fare con grazia ed entusiasmo quel difficile saluto a braccio teso? Insomma, dopo aver attaccato la libertà di stampa in Svezia e in Spagna, adesso i sionisti se la prendono con la libertà di collezionismo delle Ong. E si tratta proprio della stessa cosa: ognuno scrive sui giornali quel che gli piace contro Israele e fa collezione di quel che gli pare, soprattutto se contro Israele. I bravi ragazzi di Hamas e Hezbullah, non collezionano missili più o meno "artigianali"? (Purtroppo però ogni tanto devono lanciarli contro gli ebrei e poi fanno così fatica a ricomprarseli... Aveva proprio ragione il buon vecchio Arafat: con loro non ci si può proprio mettere d'accordo.  Per fortuna che ci sono i tipi come Garlasco, che quando finalmente la jihad avrà vinto, sapranno che divise far indossare ai custodi dei lager.


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT