martedi` 24 novembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Che cos'è il sionismo? Un video per capire da guardare e diffondere (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
26.06.2009 Quando si tratta di ebrei, Stato o individui che siano, c'è sempre qualcuno che li considera meno uguali degli altri
Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Testata: Informazione Corretta
Data: 26 giugno 2009
Pagina: 1
Autore: Ugo Volli
Titolo: «Quando si tratta di ebrei, Stato o individui che siano, c'è sempre qualcuno che li considera meno uguali degli altri»

Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Quando si tratta di ebrei, Stato o individui che siano, c'è sempre qualcuno che li considera meno uguali degli altri

"Netanyahu dovrà aspettare mille anni prima di trovare qualcuno che accetti questa condizione per la pace" Così ha detto Erkat, negoziatore dei palestinesi. E in maniera non molto diversa si sono espressi l'Egitto ("Netanyahu sta facendo abortire le trattative di pace" Mubarak) gli altri paesi arabi e naturalmente il coro di Eurabia. Ma qual è la condizione così "razzista" (altra e non nuova definizione di Erkat) proposta dal premier israeliano? Che i palestinesi riconoscano Israele come lo stato del popolo ebraico. Aveva già risposto il presidente dell'Autorità Palestinese Mahmoud Abbas il 27 aprile a Ramallah, quando si era (ri)aperta la questione: "A Jewish state, what is that supposed to mean? You can call yourselves as you like, but I don't accept it and I say so publicly."
Per oggi non voglio discutere nel merito di questo problema. Vi sottopongo solo una lista di nomi. Sapete come si chiama ufficialmente l'Egitto, che ha protestato fra i primi? Cito dal sito dell'Organizzazione della conferenza Islamica, l'Onu dei musulmani (o piuttosto, come dice la bravissima Bat Yeor, il nuovo califfato che cerca il dominio del mondo). Be' il nome ufficiale dell'Egitto è "Arab" Republic of Egipt. Sono ufficialmente arabi anche la Syrian "Arab" Republic, lo State of the United "Arab" Emirates,  e naturalmente la Great Socialist People’s Libyan "Arab" Jamahiriy di Gheddafi, grande e popolare, naturalmente. La Mauritania è "islamica", Islamic Republic of Mauritania, e così l'"Islamic" Republic of Pakistan e l'"Islamic" Republic of Afghanistan. La Giordania invece è Hashemita e l'Arabia è Saudita, cioè portano nomi dinastici di tribù arabe. Perfino il negletto stato nato dall'occupazione turca di Cipro si chiama "Turkish" Cypriot State. Mi scuso se ho dimenticato qualcuno. Insomma più o meno tutti gli stati, in quell'area geografica, vantano un'appartenenza etnica o religiosa. Israele invece non può essere lo stato degli ebrei, perché sarebbe razzista e ingiusto per le sue minoranze (come se la Siria o l'Egitto non ne avessero...). Quando si tratta di ebrei, Stato o individui che siano c'è sempre qualcuno che li considera meno uguali degli altri.

Ugo Volli


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT