domenica 05 luglio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Che cos'è il sionismo? Un video per capire da guardare e diffondere (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
18.06.2009 In memoria di Daniel Jacobi
L'analisi di Federico Steinhaus

Testata: Informazione Corretta
Data: 18 giugno 2009
Pagina: 1
Autore: Federico Steinhaus
Titolo: «In memoria di Daniel Jacobi»

Ieri sono stati arrestati gli assassini di Daniel Jacobi, 4 palestinesi di Kalkilya.

Chi era Daniel Jacobi, per meritare questa lapide commemorativa?

Era uno studente di medicina a Milano, come tanti giovani israeliani, quando si offrì per officiare le funzioni di culto nelle comunità ebraiche prive di un rabbino. Merano non era tra queste, e rifiutò la proposta, anche perché non sarebbe stata in grado di pagare l’elevato compenso richiesto. Un paio di anni dopo, però, la Comunità ebraica di Merano si trovò improvvisamente senza rabbino nel breve periodo che intercorre tra le più solenni festività, quelle del Capo d’anno e del Giorno dell’espiazione. Un momento quanto mai infelice. Chiese a Daniel se era disponibile, spiegandogli la situazione, e lui accettò senza fare alcuna obiezione. Venne, celebrò le funzioni dello Yom Kippur con solennità, e con la sua bellissima voce diede ai fedeli la sensazione di calore e di intima emozione che promana da questa celebrazione. E quando fu il momento di dargli il meritato compenso, lui lo rifiutò: eravate in difficoltà, disse, ed era mio dovere darvi il mio aiuto.

Daniel Jacobi venne a Merano nei successivi 7 anni, fino a quando si laureò e tornò in Israele per lavorare in un ospedale.

Il 27 luglio 2006 Jacobi andò da un meccanico di fiducia, a Kalkilya, una cittadina della Cisgiordania vicinissima a Kfar Saba, per far riparare la sua vecchia automobile. Ma il meccanico era fratello di uno dei suoi assassini: avvertiti, lo presero, lo malmenarono con un bastone, lo colpirono con un cacciavite, lo rinchiusero nella sua vettura e le diedero fuoco. In questo modo, essi hanno confessato, intendevano vendicare l’uccisione avvenuta il giorno precedente di un comandante della Jihad Islamica.

Un medico assassinato per vendicare la morte di un capo terrorista. Un medico che si fidava di loro, una persona religiosa e buona.

Ricordiamolo, e ricordiamoci che questa è la logica perversa alla quale si conformano i nemici giurati d’Israele.


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT