martedi` 22 ottobre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Isis non c'entra niente con l'islam? Un video per capire (con sottotitoli in italiano)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
17.06.2009 Grande maestro Arafat, e Abu Mazen non fa altro che imitarlo
Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Testata: Informazione Corretta
Data: 17 giugno 2009
Pagina: 1
Autore: Ugo Volli
Titolo: «Grande maestro Arafat, e Abu Mazen non fa altro che imitarlo»

Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Grande maestro Arafat, e Abu Mazen non fa altro che imitarlo

 Abu Mazen, Arafat double-face

Racconta Clinton (il presidente, non il segretario di Stato) in "My life" che nei colloqui di Camp David del 2000, Barak venne col suo compito fatto: una proposta per la pace, che comportava la costituzione dello Stato Palestinese su circa il 90% del West Bank e su Gaza. Arafat non aveva preparato nessuna proposta, si limitava a dire "No" e "Non basta". Grande maestro Arafat, tant'è vero che ha avuto il Nobel per la pace, lui che era andato a parlare all'Onu con un Kalasnikov in mano (e al Parlamento italiano con una pistola al fianco...). E infatti Abu Mazen non fa altro che imitarlo: nessuna proposta è mai uscita dalla sua bocca, solo un "non abbastanza" di fronte a qualunque cosa dicesse il governante israeliano di turno (compreso Olmert, che gli aveva promesso praticamente il 100% dei Territori). La novità (per chi non è pratico della faccenda, naturalmente) è che Arafat è diventato anche il maestro di Eurabia. "Buon primo passo" hanno detto i ministri degli esteri della Comunità Euraraba, commentando il discorso di Netanyahu. Ma ci vuole di più, molto di più, hanno aggiunto. Per ora Netanyahu è rimandato al prossimo discorso. Vogliamo fare una scommessa? qualunque cosa dirà, non sarà sufficiente. Grazie Eurabia, monumento alla memoria del maggior capo terrorista della storia del medio Oriente.

Ugo Volli


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT