martedi` 24 novembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Che cos'è il sionismo? Un video per capire da guardare e diffondere (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
18.05.2009 La politica vaticana è sempre più filo araba
L'analisi di Sergio Minerbi

Testata: Informazione Corretta
Data: 18 maggio 2009
Pagina: 1
Autore: Sergio Minerbi
Titolo: «La Santa Sede nel Medio Oriente»

Sergio Minerbi, il più illustre storico dei rapporti fra Vaticano e Israele, ha scritto per informazione corretta, una lucida analisi del viaggio di B-XVI nella cosidetta Terra Santa. Questi sono i fatti, incontrovertibili.

Papa Benedetto XVI e` ripartito da Israele, la paralisi del traffico a Gerusalemme e` finita, ma e` rimasto in bocca agli Israeliani un sapore amaro. Durante il suo soggiorno in Israele il Papa non ha nemmenon tentato l’inizio di un dialogo politico che porti a una migliore comprensione reciproca. No, le sue idee ostili a Israele, erano chiare prima ancora di venire nella nostra regione e tali sono rimaste. Egli riconosce le radici comuni con l’Ebraismo nella speranza di convertire gli Ebrei al Cristianesimo come dimostra l’uso della parola “riconciliazione”, che come e` noto fu usata da San Paolo nel senso di convertire Ebrei e Pagani riconciliandoli nel segno della Croce (Lettera agli Efesini).. Ma sul piano politico la Santa Sede ha accolto in pieno le tesi dei Palestinesi e non ne deflette di un millimetro. Per esempio la questione del muro, gia’ attaccato da Giovanni Paolo II, e sapientemente usato dalla propaganda araba. Benedetto XVI non si e` mai domandato perche` sia stato costruito quel muro ed ha dimenticato la serie di attentati terroristici effettuati all’interno di Israele da Palestinesi provenienti dalla Cisgiordania. Perche` il muro dà tanto fastidio? Proprio perche` esso divide la Palestina mandataria in due entita`, preambolo necessario per chi voglia davvero la spartizione in due stati indipendenti. Ma segretamente i Palestinesi rifiutano tale soluzione e continuano a reclamare il diritto al ritorno dei profughi “nelle loro case”. Questa  formula apparentemente innocente, significa in chiaro ottenere con la demografia galoppante araba ciò che non riuscirono a spuntare con le armi e le azioni terroristiche. Per questo non vogliono il muro ed organizzano ogni settimana qualche dimostrazione con l’aiuto di volontari europei. La Santa Sede e` chiaramente dalla loro parte e con tale atteggiamento allontana la pace che dice di volere. Tale politica partigiana ostile a Israele non aiuta a risolvere la questione del conflitto israelo-palestinese ed anzi non può che esacerbarlo. L’ex Primo Ministro Ehud Olmert che fu uno dei più disponibili a raggiungere un accordo coi Palestinesi, disse che nel negoziato si erano fatti molti passi avanti circa sei mesi prima che egli lasciasse la sua carica, ma i Palestinesi non vollero firmare sperando di ottenere ancora di più. La politica della Santa Sede nel Medio Oriente sembra voler gettare della benzina sul fuoco. Questa e` l’impressione di molti che hanno ascoltato il Papa mercoledì 13 Maggio a Betlemme e dintorni dove ha detto:”come ogni altro popolo i palestinesi hanno diritto a sposarsi, a formarsi una famiglia e avere accesso al lavoro, all’educazione e all’assistenza sanitaria”. Il diritto al lavoro invocato dal Papa e` stato annullato dal Hamas. C’era una volta la zona industriale di Erez dove circa cinquemila Palestinesi di Gaza lavoravano in fabbriche ed officine create da imprenditori israeliani. Dopo una serie di bombardamenti e colpi di mortaio contro la zona in questione, gli Israeliani se ne andarono e cinquemila Palestinesi sono stati privati dal Hamas del diritto al lavoro. Ogni anno l’Unione Europea paga all’Autorita` Palestinese almeno 600 milioni di euro, senza richiedere che nemmeno una piccola percentuale sia dedicata alla creazione di nuovi posti di lavoro. Sono soldi gettati dalla finestra. Dopo l’azione militare a Gaza di qualche mese fa, si riuni` la Conferenza internazionale di Sharm el Sceik e gli Stati Uniti promisero 900 milioni di dollari anch’essi non vincolati a nuovi posti di lavoro. I soldi vengono spesi per ben altri scopi e il “diritto al lavoro” invocato dal Papa e` calpestato dal Hamas. Le Nazioni Unite hanno creato la UNRWA, agenzia specializzata per l’aiuto ai profughi palestinesi, che sussiste dal 1949 senza poter reinserire nemmeno un profugo nella vita economica locale per l’opposizione dei paesi araba che vogliono tener aperta la ferita per farne un’arma contro Israele. E` probabile che il Piano Marshall preconizzato dal Premier Berlusconi faccia la stessa fine. Il diritto all’educazione anch’esso invocato al Papa, esiste con sette Universita` in Cisgiordania create dopo l’istaurazione dell’amministrazione israeliana. Ma molti studenti sono assoldati dal Hamas per effettuare azioni terroristiche . A Gaza diecine di migliaia di studenti liceali ottengono la maturita’ ma non trovando un lavoro produttivo finiscono nelle milizie armate del Hamas. Evidentemente nessuno ha raccontato al Papa che nella striscia di Gaza evacuata fino all’ultimo millimetro da Israele, il Fatah di Abu Mazen ha subito l’uccisione da parte del Hamas di almeno 150 uomini armati e ha perso la striscia oggi dominata dal Hamas. Se la Cisgiordania indipendente cadesse anch’essa nelle mani del Hamas, non basterebbero piu` i posti di blocco ed il muro. I missili kassam e le bombe di mortaio verrebbero lanciati contro Israele come e` avvenuto per otto anni accanto alla striscia di Gaza senza che nemmeno una volta la Santa Sede esprimesse la sua solidarieta` per la popolazione civile israeliana colpita. Già durante l’azione militare israeliana a Gaza, Benedetto XVI aveva parlato in favore dei Palestinesi cinque volte nei primi otto giorni del 2009. Poi egli benedisse la Conferenza di Ginevra denominata Durban-2, nonostahnte il boicottaggiio di alcuni paesi occidentali a fianco di Israele. Molti di quelli che andarono a Ginevra, uscirono dalla sala quando parlò il Presidente dell’Iran, ma il diplomatico Vaticano vi rimase. La Santa Sede dalla creazione dello Stato d’Israele ad oggi ha sempre condotto una politica filo-araba. Che cosa ha ottenuto? Il risultato è stato che il numero dei Cristiani del Medio Oriente è sceso da circa 500.000 a non più di 100.000 oggi, il Libano che era l’unico paese cristiano della regione è sottoposto alla pressione sciita e rischia di divenire la preda dell’Iran, l’Egitto è minacciato dall’Hizbollah. Leggendo la lezione magistrale di Benedetto XVI a Regensburg nel 2006, ci eravamo illusi per un momento che fosse apparso sulla scena politica il difensore a spada tratta dell’Europa dalla marea fondamentalista islamica. Ma tale discorso sembra oggi una “vox clamans in deserto”, abbandonato anche dalla diplomazia vaticana. Cosa ha fatto finora Israele per tentare di migliorare la politica Vaticana? Gli Ambasciatori d’Israele presso la Santa Sede, abbagliati dall’architettura di Michelangelo, sono diventati i partigiani del Vaticano. Uno di loro aveva perfino preconizzato la cessione del Cenacolo in cambio di una vaga promessa di inviare un milione di pellegrini. Era sfuggito al diplomatico in questione il fatto che il Cenacolo sia solo custodito da Israele che non ne ha la propeita` e quindi non puo` cederlo a nessuno. Per di piu` sia Israele sia la Santa Sede hanno firmato nell' Accordo fondamentale del dicembre 1943 l’impegno reciproco a salvaguardare lo Status quo del 1852 che sarebbe gravemente leso con un’eventuale cessione. In senso inverso Israele avrebbe potuto mettere in pratica le promesse di esenzioni fiscali contenute nell’Accordo fondamentale.Ma la debolezza del Ministero degli Esteri non ha permesso questo risultato che nel frattempo non basta piu` poiche` il Vaticano ha richiesto il 30 Aprile 2009 a Gerusalemme anche l’incolumita` da espropri per cinque Luoghi Santi di proprieta` del Vaticano, nonche` la cessione del Cenacolo di cui sopra. Per secoli gli Ottomani amministrarono i Luoghi Santi Cristiani e la Palestina col pieno accordo della Santa Sede.Ma lo stesso accordo non è stato ancora concesso a Israele.


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT