giovedi` 12 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
29.04.2008 La "grande politica estera" del governo Prodi
rivendicata dal senatore La Torre: il commento di Giorgio Israel

Testata: Informazione Corretta
Data: 29 aprile 2008
Pagina: 1
Autore: Giorgio Israel
Titolo: «La "grande politica estera" del governo Prodi»

╚ stato alquanto penoso sentire a Otto e mezzo il senatore di fede dalemiana La Torre difendere a oltranza il "modello Roma" veltroniano (ma di questo qui non intendiamo parlare) e vantare tutte le realizzazioni del governo Prodi tra cui l’aver messo in atto "una grande politica estera"… ╚ stata "grande" davvero la politica estera delle passeggiate a Beirut con il deputato Hezbollah; la politica estera della missione Unifil che, se non Ŕ connivente con Hezbollah – del che ora viene accusata – quantomeno Ŕ servita di paravento al riarmo del movimento sciita, il quale Ŕ pronto a darle il benservito appena avrÓ deciso che Ŕ giunto il momento di riaprire le ostilitÓ con Israele; la politica estera della legittimazione di Hamas e dell’accanita ostilitÓ contro Israele.

Non vogliamo dire che il centrosinistra abbia perso le elezioni per la sua politica estera, ma certo questa "grande" politica non ha aiutato. Sul fronte delle elezioni nazionali, la separazione del Partito Democratico dalla sinistra radicale Ŕ stato "compensato" con la cacciata di tutti coloro che si erano distinti per un atteggiamento comprensivo nei confronti di Israele – come Peppino Caldarola e Umberto Ranieri – e con il licenziamento senza preavviso di un musulmano moderato come Khaled Fouad Allam. Non Ŕ stato un bel vedere. Come non lo Ŕ stato, sul fronte delle elezioni romane, la riproposizione del modello ulivista con la prospettiva di vedersi come vice sindaco un’antipatizzante di Israele come Patrizia Sentinelli.

Certo, non Ŕ questo che ha deciso le elezioni, ma la disponibilitÓ degli elettori non convinti della bontÓ della "grande politica estera" dalemiana Ŕ stata messa a durissima prova. Si Ŕ gridato al "lupomanno" fascista in tutti i toni e diversi vecchi antifascisti ed anche ex-deportati hanno risposto generosamente alla chiamata alle armi affannandosi a distribuire foto dei documenti della persecuzione razziale di settanta anni fa o di Alemanno quando era militante fascista, pi¨ o meno ai tempi in cui Veltroni e D’Alema erano militanti comunisti. Invece erano soltanto di qualche mese fa le foto di D’Alema con la kefiah al collo seduto accanto a Monsignor Hilarion Capucci e non lontana nel tempo la scelta di Rutelli di disertare l’Israel Day per solidarietÓ nei confronti del popolo palestinese. Come se non bastasse, quei poveretti hanno visto ripagata la loro buona volontÓ e la loro fedeltÓ a prova di bomba con i pi¨ volgari dileggi subiti durante la manifestazione del 25 aprile quando i simboli della Brigata Ebraica sono stati offesi da seguaci di quella sinistra radicale che avrebbe occupato posti di rilievo nella giunta Rutelli.

Certo, neppure questo ha deciso le elezioni. Ma, di certo, non pochi hanno perso la pazienza di fronte all’esibizione del solito viziaccio di commemorare gli ebrei vittime del fascismo per tirare al bersaglio su quelli vivi e concretamente minacciati, gli ebrei di Israele. Non rendersene conto e andare in televisione a sbandierare la "grande politica estera" del governo Prodi pone un problema soltanto: in questa miscela di incoscienza e di arroganza qual Ŕ il dosaggio delle due componenti?

á

Giorgio Israel


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT