martedi` 04 agosto 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Sono nato per odiare gli ebrei': una testimonianza sull'antisemitismo islamista in Europa (Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
24.12.2007 Ancora solidarieta’ per Gilad ,Ehud , Eldad
Non li dobbiamo dimenticare

Testata: Informazione Corretta
Data: 24 dicembre 2007
Pagina: 1
Autore: Piera Prister Bracaglia Morante
Titolo: «Ancora solidarieta’ per Gilad ,Ehud , Eldad»

One year in terror captivity - Gilad Shalit, Eldad Regev and Ehud Goldwasser

Ancora solidarieta’ per Ehud , Gilad ed Eldad. E’ da piu’ di un anno che chiediamo dalle pagine di Informazione Corretta solidarieta’ per i tre soldati israeliani, Ehud Goldwasser, Gilat Shalid ed Eldad Regev ancora prigionieri di Hamas e Hezbollah,(ricordiamo  l’accorato appello di Debora Fait , Il recente articolo di Elena Lattes,  e anche sull’Opinione l’articolo di Dimitri Buffa.....) su cui e’ calata ingiustamente una cortina  di silenzio, una specie di congiura di una comunita’internazionale cosi’ prona e solerte a perorare la liberazione di altri prigionieri ma cosi’ sorda ed insensibile alla sorte dei tre soldati israeliani. Per non parlare dei media la cui malafede e’ sotto gli occhi di tutti e che con ipocrisia  hanno taciuto e tacciono, tranne qualche rara eccezione.

 Niente e’ peggiore del silenzio, perche’ il silenzio e’ un’offesa alla Giustizia, e’ l’indifferenza verso il dolore e la sofferenza altrui, camuffato dall’ipocrisia del protocollo di chi promette ma solo a parole un aiuto che non e’ mai arrivato, una solidarieta’ che non c’e’ mai stata: solo un’assoluta sordita’ come risposta all’accorata  perorazione dei familiari  venuti in Italia a parlare con i potenti, per non lasciare nella loro disperazione nulla di intentato.

 Ma  il silenzio e’ anche complicita’ con chi li detiene e chi li detiene sono dei terroristi che negano loro i piu’ elementari diritti umani sanciti dalla Convenzione di Ginevra. Se questa e’ la  scelta della stampa e degli uomini di governo allora non ci  vengano a parlare, di civilta’, di democrazia e di certezza del diritto, perche’ essi sono dall’altra parte, per la negazione di questi valori.

 E, quando in un attimo di scoraggiamento , sentiamo le nostre forze vacillare, ecco  che leggiamo l’intervista di Umberto De Giovannangeli al padre di Shalit  sull’Unita’ di oggi, allora ci ricarichiamo le batterie e si ritorna a sperare che la Giustizia alberghi pure da qualche parte.

  Ora vogliamo sapere dove sono, reclamiamo dai media l’attenzione che ci spetta sul loro rapimento, che se ne parli una volta tanto, perche’ da parte nostra non ci sara’ mai la resa fino a che non ci verra’ data una risposta! Avevamo pensato persino di riscrivere a Giorgio Napolitano e lo facciamo ora tramite I.C. perche’ come Presidente della Repubblica Italiana e come arbitro autorevole al di sopra delle parti  interceda a loro favore, nella comune convinzione che l’Italia sicuramente e’ in grado di influenzare l’opinione pubblica internazionale per la liberazione dei tre soldati israeliani, forte del suo importante ruolo di presidenza del Consiglio di Sicurezza dell’ONU  fino alla fine di dicembre, e di cui sara’ membro non permanente per tutto il 2008.

Piera Prister Bracaglia Morante


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT