martedi` 18 febbraio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Che cos'Ŕ il sionismo? Un video per capire da guardare e diffondere (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Sole 24 Ore Rassegna Stampa
03.10.2019 Gas naturale: accordo Israele-Egitto
Commento di Sissi Bellomo

Testata: Il Sole 24 Ore
Data: 03 ottobre 2019
Pagina: 18
Autore: Sissi Bellomo
Titolo: «Il gas di Israele esportato via Egitto. Accordo fatto anche sul trasporto»
Riprendiamo dal SOLE 24 ORE di oggi, 03/10/2019, a pag. 19, con il titolo "Il gas di Israele esportato via Egitto. Accordo fatto anche sul trasporto", la cronaca di Sissi Bellomo.

Risultati immagini per israel gas
I principali giacimenti di gas naturale sotto le acque territoriali israeliane

Il gas di Israele prende la via dell'Egitto, da dove in futuro potrÓ raggiungere l'Europa (e non solo) sotto forma di Gnl. ╚ un accordo storico quello firmato ieri dalle societÓ che sviluppano Leviathan e Tamar, i due giacimenti che hanno inaugurato la corsa all'oro blu nel Mediterraneo Orientale. Con la formalizzazione di contratti per la vendita e il trasporto di 85,3 miliardi di metri cubi di gas nel corso di 15 anni (a partire dal 2020) non solo si salda un asse di collaborazione fino a poco tempo fa impensabile tra Tel Aviv e il Cairo, a lungo nemici, ma con tutta probabilitÓ si chiude la porta a soluzioni alternative per distribuire le risorse di gas rinvenute nella regione dall'EastMed - pipeline che gode di un forte appoggio politico in Europa e negli Usa, ma per cui non si sono finora palesati finanziatori - all'ipotesi, mai scartata del tutto benchÚ costosa, di costruire un impianto di liquefazione del gas a Cipro piuttosto che su una piattaforma offshore in prossimitÓ dei pozzi israeliani. I partner di Leviathan e Tamar, guidati dal gruppo israeliano Delek e dalla texana Noble Energy, hanno rilanciato rispetto a un primo accordo vincolante che avevano firmato a febbraio 2018 sotto la regia politica degli Stati Uniti, ma che si era arenato per difficoltÓ burocratiche e problemi di sicurezza (tutt'altro che superati) nel Sinai del Nord, un'area controllata dallo Stato islamico. Il nuovo contratto sottoscritto con l'egiziana Dolphinus Holding aumenta del 34% il volume delle forniture destinate a raggiungere l'Egitto, per un valore di 19,5 miliardi di dollari secondo fonti Reuters, e ne allunga la durata fino al 2034.

Risultati immagini per israel gas

Il gas inizierÓ a fluire dal 1░ gennaio 2020, inizialmente al ritmo di 2,1 miliardi di metri cubi l'anno, che saliranno a 6,7 bcm a partire dal 2022, con l'espansione delle forniture da Leviathan, che inizierÓ a produrre a fine anno. A sbloccare le trattative con il Cairo Ŕ stata la risoluzione delle controversie sul gasdotto sottomarino East Mediterranean Gas (Egm), che collega il terminal israeliano di Ashkelon con Arish, nella parte egiziana del Sinai. Noble e Delek Drilling hanno costituito una joint venture con Egiptian East Gas Co, la Emed, che rileverÓ per 52o milioni di dollari il 70% della pipeline, un'operazione che l'antitrust israeliana ha autorizzato a patto che il gas non venga venduto in Egitto a prezzi inferiori a quelli praticati sul mercato domestico. Un arbitrato internazionale aveva ostacolato a lungo la collaborazione sul gasdotto: a Israele era stato riconosciuto un indennizzo di 1,8 miliardi di dollari per l'improvvisa interruzione delle forniture di gas dall'Egitto nel 2011 (all'epoca il Cairo esportava, ma poi ha smesso per riprendere solo l'anno scorso grazie al maxigiacimento Zohre ad altre scoperte). Tel Aviv si Ŕ accontentata di 500 milioni, pur di concludere gli accordi annunciati ieri. Il gas israeliano molto probabilmente non si fermerÓ in Egitto, ma sarÓ liquefatto e rivenduto all'estero. Entro fine anno la produzione annua egiziana salirÓ a 77 bcm: tolti i consumi interni restano 15 bcm da esportare, cui ora si aggiungono i volumi in arrivo dal Paese vicino. Anche l'impianto di liquefazione Damietta Lng (partecipato da Eni attraverso Uni˛n Fenosa Gas) dovrebbe tornare in funzione entro dicembre, affermano sia il governo del Cairo che la compagnia di San Donato. Con l'altro impianto - Idku Lng, giÓ riavviato - l'Egitto sarÓ in grado di liquefare oltre otre 17 bcm di gas l'anno.

Per inviare la propria opinione al Sole 24 Ore, telefonare 02/30221, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

letterealsole@ilsole24ore.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT