giovedi` 23 maggio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Storia dell'antisemitismo assassino, da Hitler al terrorismo islamico (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Sole 24 Ore Rassegna Stampa
15.05.2019 Sicurezza online contro il terrorismo: l'eccellenza dell'israeliana Pegasus
Ma sul Sole24Ore basta una parola per disinformare gravemente

Testata: Il Sole 24 Ore
Data: 15 maggio 2019
Pagina: 21
Autore: B.Sim.
Titolo: «La società di Tel Aviv che ha creato Pegasus»

Riprendiamo dal SOLE24ORE di oggi, 15/05/2019, a pag.21 con il titolo "La società di Tel Aviv che ha creato Pegasus" il commento a firma B.Sim.

In mezzo a un articolo equilibrato, il giornalista del Sole24Ore scrive della "famigerata Unit 8200, la divisione dell'esercito israeliano che si occupa di cybersicurezza". Perché definire "famigerata" un'unità di elite dell'esercito israeliano che si occupa di lottare online contro il terrorismo? E' una sola parola, ma fa capire in modo evidente l'ostilità contro lo Stato ebraico. Scomparsi Negri e Tramballi, il loro veleno ammorba ancora la redazione del quotidiano di Confindustria.

Ecco l'articolo:

Immagine correlata

Si chiama Nso e ha sede a HerzIiya, dodici chilometri a nord di Tel Aviv, la società informatica madre di Pegasus, lo spyware capace di spiare WhatsApp e di diffondersi con una semplice chiamata vocale. Ieri, quando questa spy story internazionale è rimbalzata in tutto il mondo, l'azienda non ha negato la produzione del malware, ma ha reso noto che lo stesso è prodotto per uso esclusivo di agenzie governative e forze di polizia impegnate nella pubblica sicurezza e nella lotta al terrorismo: «In nessun caso - ha detto un portavoce della società israeliana - Nso è coinvolta nell'identificare gli obiettivi della sua tecnologia o nel suo utilizzo, destinato esclusivamente alle agenzie di intelligence e alle forze dell'ordine. Nso non ha mai voluto, né potuto, usare la propria tecnologia per prendere di mira persone od organizzazioni». Fondata nel 2010 da Niv Carmi, Omri Lavie e Shalev Hubo, oggi la Nso Group Technologies impiega oltre 5oo persone. Un fiore all'occhiello del panorama digitale israeliano, con ricavi stimati per un miliardo di dollari, anche se la proprietà conduce agli Stati Uniti. L'azienda, infatti, è di proprietà al 70% dell'americana Francisco Partners, società di private equity con sede a San Francisco. La sua storia, secondo fonti britanniche, sarebbe riconducibile alla famigerata Unit 8200, la divisione dell'esercito israeliano che si occupa di cybersicurezza e che in passato è stata coinvolta nello scandalo Stuxnet, il virus che colpì l'Iran nel 2006. Oggi la Nso, negli ambienti di cybersicurezza, viene paragonata all'italianissima Hacking Team, società milanese divenuta celebre nel 2015 per una fuga di dati che raccontò al mondo tutti gli accordi stipulati con governi poco democratici per software spia. E in effetti il lavoro è molto simile. Pegasus, secondo quanto appreso, sarebbe stato venduto in Israele, Turchia, Thailandia, Qatar, Kenya, Uzbekistan, Mozambico, Marocco, Yemen, Ungheria, Arabia Saudita, Nigeria e Bahrain. Ma i dettagli sono ancora pochi.

Per inviare al Sole24ore la propria opinione, telefonare: 02/30221, oppure cliccare sulla e.mail sottostante


letterealsole@ilsole24ore.com

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT