sabato 22 settembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché l'antisionismo è antisemitismo (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Shanà tovà! Buon anno 5779 da Benjamin Netanyahu e da IC (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Sole 24 Ore Rassegna Stampa
12.09.2018 Siria: raid della Russia a Idlib
Cronaca di Roberto Bongiorni

Testata: Il Sole 24 Ore
Data: 12 settembre 2018
Pagina: 17
Autore: Roberto Bongiorni
Titolo: «Gli Usa pianificano raid contro Assad»
Riprendiamo adl SOLE24ORE di oggi, 12/09/2018, a pag.17, con il titolo "Gli Usa pianificano raid contro Assad" l'analisi di Roberto Bongiorni.

Risultati immagini per roberto bongiorni sole 24 ore
Roberto Bongiorni

È un copione già visto. Mentre l’aviazione russa prosegue indisturbata i suoi martellanti bombardamenti aerei sulla regione di Idlib per aprire la strada alle truppe del regime siriano (e probabilmente alle milizie iraniane), i diplomatici di Stati Uniti, Regno Unito e Francia si stanno consultando per pianificare un raid contro il regime siriano qualora ricorresse alle armi chimiche per avere la meglio sui ribelli. Si tratta dello stesso terzetto di Paesi che nell'aprile di quest'anno aveva congiuntamente colpito, con oltre 100 missili, i siti di armi chimiche siriane. In quella che però era risultata una dimostrazione di forza senza risultati concreti, come peraltro il raid militare lanciato dagli americani, nell'aprile del 2017. «Ci stiamo consultando con i britannici e francesi, che si sono uniti a noi nel secondo raid, e anche loro sono d'accordo che un nuovo impiego di armi chimiche provocherà una nostra risposta molto più forte», ha avvertito John Bolton, il consigliere alla sicurezza nazionale del presidente americano Donald Trump.

Immagine correlata
Idlib, Siria

Secondo Mosca sono invece i ribelli, tra le cui fila militano qaedisti, ad utilizzare armi chimiche per creare un caso ed una risposta internazionale. Il Governo russo della Difesa a Idlib ha denunciato ieri che i ribelli hanno iniziato a girare filmati falsi di attacchi chimici da consegnare ai media occidentali.Il vice ministro degli Esteri, Serghei Ryabkov, ha poi replicato a Bolton definendo il suo avvertimento «una politica fatta di minacce e ricatti» e «una cinica manipolazione dei fatti e della situazione attuale». La Russia tuttavia sembra aver ben compreso che può liberamente giocare le sue carte. Da quando è intervenuta militarmente a fianco del regime siriano, nel settembre del 2015,in un momento in cui versava in gravi difficoltà, la guerra civile ha cambiato direzione portando il regime a riguadagnare gran parte del territorio perduto, confinando i ribelli a Idlib. Un successo militare a cui hanno contribuito le forze di terra degli Hezbollah libanesi e delle milizie iraniane. Complice la contraddittoria linea politica americana in Siria (i marines sono solo 2mila) col passare del tempo la Russia è divenuta la potenza che detta l'agenda della crisi, quasi senza rivali. Dinanzi a un'offensiva che appare ormai inevitabile, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan è perfino ricorso a un intervento sul quotidiano americano Wall Street Journal. «Se il regime siriano attacca Idlib, il risultato sarà un disastro umanitario e geopolitico», ha scritto, precisando che la Turchia non è più in grado di ospitare un nuovo flusso di rifugiati. Uno scenario verosimile se scatterà la grande offensiva contro Idlib. Sono 30mila i siriani in fuga nelle ultime 48 ore dagli intensi raid aerei governativi e russi nella zona a sud di Idlib. E presto potrebbero essere molti di più.

Per inviare al Sole24Ore la propria opinione, telefonare: 02/ 30221, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


letterealsole@ilsole24ore.com

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT