venerdi 26 febbraio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Avvenire Rassegna Stampa
07.02.2021 Israele verso le elezioni del 23 marzo
Commento di Fiammetta Martegani

Testata: Avvenire
Data: 07 febbraio 2021
Pagina: 15
Autore: Fiammetta Martegani
Titolo: «GiÓ diviso il fronte anti-Netanyahu»

Riprendiamo da AVVENIRE di oggi, 07/02/2021, a pag.15 con il titolo "GiÓ diviso il fronte anti-Netanyahu" la cronaca di Fiammetta Martegani.

Immagine correlata
Fiammetta Martegani

Expand Israeli Absentee Voting Rights - The Israel Democracy Institute

Il 23 marzo Israele toma a votare per la quarta volta consecutiva in meno di due anni. Giovedý era l'ultimo giorno per chiudere le liste e le possibili alleanze, da cui dipendono le sorti del Paese e, soprattutto, quelle giuridiche del primo ministro uscente Benjamin Netanyahu. Molto rumore per nulla. Dopo settimane di promesse e contrattazioni, il blocco "anti-Netanyahu" si presenta alla Knesset con sei partiti molto diversi tra di loro. Al centro, Blu Bianco si Ŕ spaccato, lasciando Benny Gantz da solo, e in forte discesa, e Yair Lapid, capo di Yesh Atid, in salita.

Nello stesso blocco, pi¨ a destra, troviamo Nuova Speranza, fondato da Gideon Saar, ex membro del Likud (e acerrimo nemico di źBibi╗ Netanyahu) e il partito nazionalista Beit Yehudi di Avigdor Lieberman, mentre a sinistra i Laburisti guidati dalla femminista Merav Michaeli e Meretz da Nissan Horovitch. Troppe voci e nessun solista a guidare il coro, oltre al fatto che questa molteplicitÓ di scelte potrebbe compromettere sensibilmente la possibilitÓ che tutti riescano a superare la soglia di sbarramento del 3,25%. In tal caso, i voti dispersi verrebbero automaticamente consegnati al premier che, dal canto suo, oltre ad aver consolidato il blocco dell'estrema destra (unito nei Sionisti Religiosi di Bezalel Smotrich) e dei partiti ultraortodossi, nelle ultime settimane, spostando la campagna elettorale nelle principali cittadine arabe, Ŕ riuscito anche a spaccare la Lista Araba Unita ottenendo due grandi vantaggi in un colpo solo. Divisi, infatti, i partiti arabi potrebbero non superare la soglia di sbarramento, ma se, da sola, la lista di Mansour Abbas dovesse farcela, potrebbe unirsi allo schieramento di destra, di cui condivide l'ideologia fondata sul potere religioso, a danno della laicitß dello Stato, permettendo a Netanyahu di raggiungere i 61 seggi (su 120), necessari per govemare la Knesset. Il vero ago della bilancia, questa volta, sarÓ Naftali Bennett, leader della destra religiosa Yemina, che, pur condividendo l'ideologia del primo ministro e dei suoi alleati, dall'inizio della pandemia non ha fatto che condannare fortemente le loro scelte imprudenti nei confronti della lotta al Covid. Questo Ŕ anche l'unico punto in comune con i nemici del premier che potrebbe spingere Bennet, pur che il gioco valga la candela, a passare dall'altra parte. ╚ lui, dunque, il vero kingmaker di questa quarta tornata elettorale, in cui, stando all'attuale scenario, sarß molto difficile spodestare "re Bibi" dal suo trono.

Per inviare a Avvenire la propria opinione, telefonare: 02/6780510, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@avvenire.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT


Sostieni INFORMAZIONE CORRETTA con il tuo contributo

o saremo costretti a sospendere le pubblicazioni


Con 90 euro l'anno puoi continuare ad avere tutti i giorni una informazione
indipendente su Israele


Fino al 30 Marzo puoi anche approfittare dell'offerta speciale di soli 60 euro
(equivalente al costo di un caffè la settimana) per i lettori più fedeli.

Paga ora con carta di credito/Paypal cliccando qui

oppure con bonifico bancario verso il conto IT72M0200801140000101349255


Contributi superiori al minimo richiesto sono ovviamente graditi in questo momento
di particolare necessità.