domenica 24 gennaio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Avvenire Rassegna Stampa
03.01.2021 Il neonazismo si fa strada in Germania e Austria
Cronaca di Vincenzo Savignano

Testata: Avvenire
Data: 03 gennaio 2021
Pagina: 5
Autore: Vincenzo Savignano
Titolo: «Ora il neonazismo spaventa l'Europa. È in crescita l' 'asse austro-tedesco'»

Riprendiamo da AVVENIRE di oggi, 03/01/2021, a pag.5 con il titolo "Ora il neonazismo spaventa l'Europa. È in crescita l' 'asse austro-tedesco' " la cronaca di Vincenzo Savignano.

File:Frank-Walter Steinmeier - 2018.jpg - Wikiquote
Frank-Walter Steinmeier

«Mi vergogno di essere tedesco». Queste le parole del presidente della Repubblica Frank-Walter Steinmeier pronunciate in italiano il 26 agosto 2019 a Vinca di Fivizzano (Massa Carrara), dove nel ’44 le SS della sedicesima divisione Panzergrenadieren massacrarono 173 persone tra cui donne incinte e bambini. In quei giorni si consumarono anche le stragi a Sant'Anna di Stazzema e Marzabotto. Mai nessuno dei suoi predecessori aveva utilizzato parole così dure. Ma ad un anno e mezzo di distanza Steinmeier è il presidente di una Germania federale che deve confrontarsi non solo con i fantasmi del passato, bensì con quelli del presente che stanno corrodendo il Paese. «Un'organizzazione paramilitare con scopi eversivi e terroristici. Pronta a colpire in Austria e in Germania». Il ministro degli Interni, Karl Nehammer, la mattina del 12 dicembre si è presentato così davanti alla stampa con il capo della polizia di Vienna, Gerhard Pürtl e il vicedirettore della polizia criminale Michael Mimra. Davanti a loro parte dell'arsenale sequestrato tra Austria e Germania, nei länder della Baviera e del Nord Reno Westfalia. «Abbiamo arrestato 5 persone in Austria, altre due in Baviera, ma presto potrebbero esserci altri arresti», aveva spiegato Mimra. Sono stati sequestrati alla milizia neonazista oltre 70 fucili tra cui Kalasnikov, Skorpion e Uzi, anche granate, esplosivo, almeno 100.000 proiettili e armi naziste, ancora funzionanti, tutte scoperte nelle abitazioni degli arrestati, tutti uomini tra i 35 e i 50 anni. Le armi, gli stendardi, le divise risalenti all'epoca nazista sono cimeli, simboli molto ambiti tra gli estremisti di destra austriaci e tedeschi, esposti, mostrati come trofei nelle riunioni. La maggior parte dei fucili e delle granate provengono soprattutto dai Balcani in particolare dalla Croazia: «Le indagini sono partite dal commercio della droga, soprattutto cocaina. Con i soldi guadagnati, alcuni degli arrestati si recavano nei Paesi balcanici per acquistare le armi pronte per una guerra, ha illustrato il capo della polizia criminale di Vienna, Michael Mimra. La sera stessa della conferenza stampa del ministro degli Interni austriaco Nehammer il canale pubblico tedesco Zdf, nel suo magazine d'inchiesta, Fronta121, ha mostrato un documentario sulla rotta balcanica, la stessa da cui arrivavano quelle armi. «Non le vendiamo agli islamici bensì ai tedeschi e ad altri europei, vengono da tutta Europa con valigie piene di soldi». Le armi, ha rivelato il venditore, un ex militare croato seduto accanto ad un bazooka in cerca di acquirente, «risalgono alla guerra della ex Jugoslavia ma provengono anche da altri traffici».

In drei Jahren um 25 Prozent mehr Gewalttaten – Freiheitliche Partei  Österreichs
Michael Mimra

Ma c'è altro. La Procura di Monaco di Baviera due anni fa in Croazia ha fatto arrestare un estremista di destra, tedesco, tale Alexander R., coinvolto in un commercio di droga e armi. Il suo cognome non è mai stato reso noto perché sono in corso ancora delle indagini. Si sa che ha 47 anni ed è bavarese. «La prima volta che ho sentito parlare di lui era nel 2009, faceva il funzionario della dogana. Un'attività che gli ha permesso di svolgere un ruolo chiave nei commerci illegali», spiega nel documentario Robert Andreas giornalista tedesco esperto di estremismi e neonazismo. Alexander R., aggiunge ancora Andreas, era stato a lungo un membro del partito neonazista Npd poi, dopo la sua fondazione, si era iscritto nel partito ultranazionalista e populista Alternative für Deutschland, l'Afd. Per Alternative aveva fatto politica attiva in Baviera fino a poco prima del suo arresto. «Qui l'ho fotografato vicino ad alcuni leader bavaresi di Afd e anche a Bjorn Höcke» , aggiunge Andreas mostrando la foto. Höcke è leader del partito in Turingia e spesso indicato dai media tedeschi come capo della frangia più estrema del partito. Da marzo 2020 l'ufficio federale per la difesa della Costituzione, il Verfassungsschutz ha messo sotto osservazione Der Flügel (L'ala), il gruppo che costituiva la fazione più estrema di Afd soprattutto a causa dei due leader Andreas Kalbitz e Björn Höcke, definiti come «estremisti di destra» e «contro l'ordine liberal-democratico dello Stato». I due in una lettera aperta ai loro sostenitori avevano poi decretato lo scioglimento solo formale di Flügel, composta da circa 7.000 membri. A maggio, Kalbitz è stato espulso dal partito Aid perché aveva fatto parte della Heimattreue Deutsche Jugend (Gioventù tedesca fedele alla patria), un'organizzazione di fatto neonazista che Aid ha considerato incompatibile con lo statuto del partito. Höcke ad inizio dicembre è stato confermato leader e capogruppo di Aid in Turingia. Il Verfassungsschutz negli ultimi mesi ha messo sotto controllo anche il movimento dei "Querdenken", i negazionisti del coronavirus, la maggior parte appartengono a gruppi di estrema destra. Il 30 agosto del 2020, 300 di loro hanno tentato di fare irruzione nella sede del Bundestag, l'ex Reichstag. Il presidente della Repubblica federale, Frank-Walter Steinmeier, lo ha definito «un attacco insopportabile alla nostra democrazia”.

Per inviare a Avvenire la propria opinione, telefonare: 02/6780510, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@avvenire.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT