sabato 24 agosto 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Europa schierata con l'Iran cerca di conservare l'accordo sul nucleare. La risposta di Benjamin Netanyahu (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Avvenire Rassegna Stampa
13.03.2019 Attentato a Bruxelles: a quale museo?
un generico 'museo' ma 'dimentica' di specificare che era 'ebraico'

Testata: Avvenire
Data: 13 marzo 2019
Pagina: 13
Autore: la redazione di Avvenire
Titolo: «Ergastolo al jihadista che colpì il museo»

Riprendiamo da AVVENIRE di oggi, 13/03/2019, a pag. 13, la breve "Ergastolo al jihadista che colpì il museo".

Avvenire riporta la notizia dell'ergastolo comminato a Mehdi Nemmouche, il terrorista islamico responsabile della strage al Museo ebraico di Bruxelles il 24 maggio 2014. Nel titolo della breve, però, "salta" l'aggettivo "ebraico" e si fa riferimento esclusivamente a un generico "museo". In questo modo si perde il movente dell'assassino, cioè l'odio antisemita. Una menzogna omissiva, dunque, di cui si rende responsabile il quotidiano dei vescovi.

Ecco la breve:

Immagine correlata
Mehdi Nemmouche

Immagine correlata
Il Museo ebraico di Bruxelles dopo l'attentato

II jihadista francese che ha ucciso quattro persone in un attacco terroristico nel museo ebraico di Bruxelles è stato condannato all'ergastolo. Mehdi Nemmouche era stato ritenuto colpevole la scorsa settimana per 'omicidio terroristico’ per l'attacco antisemita avvenuto nella capitale belga nel maggio 2014, un crimine commesso dopo il suo ritorno dai campi di battaglia della Siria. Nacer Bendrer, che è stato riconosciuto coautore dell'attacco in cui morirono quattro persone per aver fornito le armi usate da Nemmouche, è stato condannato a 15 anni.

Per inviare la propria opinione a Avvenire, telefonare 02/ 6780510, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@avvenire.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT