venerdi 14 dicembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Avvenire Rassegna Stampa
10.10.2018 Gerusalemme: scoperta iscrizione bimillenaria con il nome completo della città
Ma Avvenire scrive di 'epoca di Cristo'

Testata: Avvenire
Data: 10 ottobre 2018
Pagina: 22
Autore: la redazione di Avvenire
Titolo: «Gerusalemme: trovata incisione dell'epoca di Gesù col nome per esteso della Città Santa»

Riprendiamo da AVVENIRE di oggi, 10/10/2018 , a pag.3, la breve "Gerusalemme: trovata incisione dell'epoca di Gesù col nome per esteso della Città Santa".

Nella breve, il quotidiano dei vescovi fa riferimento alla scoperta "riferibile all'epoca di Cristo". In nessuna fonte dell'epoca, in realtà, si fa riferimento a "Cristo", era quindi corretto chiamarlo con il suo nome, ovvero Gesù.  Per non dire 'appropriazione indebita'.

Ecco la breve:

Immagine correlata
L'iscrizione ritrovata

Immagine correlata
Gli scavi al limitare del Monte del Tempio, a Gerusalemme

Ennesima scoperta archeologica a Gerusalemme riferibile all'epoca di Cristo. Ieri è stata infatti data notizia del ritrovamento, un anno fa, di un'incisione in cui compare quella che viene considerata la più antica scritta conosciuta della parola Gerusalemme (Yerushalaim) così come si scrive oggi, per esteso, in caratteri ebraici. Si trova su una pietra cilindrica chiaramente appartenente a una casa ebraica di duemila anni fa. Pietra che i romani avevano riutilizzato per costruire un altro edificio. La scritta che vi compare recita testualmente: "Hanania figlio di Dodlos di Gerusalemme". Secondo gli studiosi la è relativa a un Anania, il padrone di casa, probabilmente di professione artigiano, a cui si fa ossequiosamente riferimento quale "figlio di Dedalo" abitante a Gerusalemme. Gli stessi archeologi hanno definito «estremamente raro» il ritrovamento in reperti di quel periodo del nome completo della Città Santa. Ed è ancora più singolare che la scritta sia chiaramente decifrabile da un qualunque bambino israeliano duemila anni dopo.

 

 

Per inviare a Avvenire la propria opinione, telefonare: 02/6780510, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@avvenire.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT