venerdi 19 ottobre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Mordechai Kedar: la nuova strategia di Hamas minaccia Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Rav Jonathan Sacks: 'Ecco il nuovo antisemitismo' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Avvenire Rassegna Stampa
12.06.2018 Una breve che disinforma sul quotidiano cattolico
Avvenire contro la Corte Suprema israeliana

Testata: Avvenire
Data: 12 giugno 2018
Pagina: 19
Autore: le redazioni di Avvenire
Titolo: «Trasferimenti dei palestinesi: accademici e artisti per l'appello di B'Tselem»

Riprendiamo dalla AVVENIRE di oggi, 12/06/2018, a pag. 19, la breve "Trasferimenti dei palestinesi: accademici e artisti per l'appello di B'Tselem.

Avvenire attacca Israele e la Corte Suprema, secondo il giornale dei vescovi colpevole di aver deliberato lo sgombero di un insediamento illegale nei territori contesi. Quando la Corte Suprema ordina lo sgombero di insediamenti illegali costruiti da ebrei, Avvenire ignora la notizia oppure la riporta in modo ben diverso, in questo caso, invece, approfitta dell'occasione per disinformare contro Israele. Se ne deduce che a Israele, secondo Avvenire, è fatto divieto di demolire le costruzioni illegali.

Ecco il pezzo:

Immagine correlata
La Corte Suprema

Gerusalemme. Oltre 300 accademici, artisti e politici di tutto il mondo hanno firmato l'appello dell'organizzazione non governativa israeliana B'Tselem contro il trasferimento forzato di migliaia di palestinesi da alcune comunità rurali in Cisgiordania, con particolare riferimento a quella di Khan al-Ahmar, su cui incombe la minaccia di distruzione dopo il via libera della Corte Suprema - secondo il massimo Tribunale israeliano, il villaggio è stato costruito senza permessi, e i giudici hanno stabilito che i circa 200 abitanti vengano trasferiti. La campagna di B'Tselem verrà pubblicizzata oggi a tutta pagina sul quotidiano Haaretz. «Il trasferimento forzato - mediante forza fisica diretta o creando un ambiente coercitivo che porti i residenti a lasciare le proprie case - è un crimine di guerra», si legge nell'appello. Vengono poi elencate le misure che verrebbero attuate per costringere i palestinesi a lasciare le terre, come «impedire di costruire nuovi edifici, di connettersi alle reti elettriche o idriche, odi aprire strade».

 

Per inviare la propria opinione ai quotidiani, telefonare:
Avvenire 02/6780510
Oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@avvenire.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT