giovedi` 04 marzo 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La risposta di Benjamin Netanyahu alla Corte penale internazionale (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Raspail e Hoess 28/01/2021

Mort de Jean Raspail, écrivain et explorateur, auteur du «Camp des Saints»
Jean Raspail

Mi sento in dovere di segnalarvi che in abbinata a La Verità e a Panorama c'è da oggi un libro di Jean Raspail, il cui pensiero razzista è ben noto e pubblicato in Italia dalla casa editrice di Franco Freda,

Guido Vigna

Gentile Guido,  
Jean Raspail è famoso per aver auspicato alla "monarchia Cattolica" di prevalere sulle varie ideologie che hanno distrutto il XX secolo e per aver predetto la fine della civiltà occidentale e la distruzione della "razza bianca". Probabilmente il suo libro viene offerto proprio perche' può essere riferito alla realtà odierna. Lo scrittore aveva previsto la terza immigrazione mondiale che, appunto e secondo lui,  avrebbe distrutto l'Europa come in parte sta accadendo. Indipendentemente da come uno la pensa, credo sia giusto mettere in guardia contro un'immigrazione incontrollata ma è altrettanto pericoloso pubblicare scritti particolari e difficili senza poterli discutere con chi li legge, spesso persone impreparate che capiscono solamente il pensiero razzista senza avere le capacità di combatterlo.  Dobbiamo stare attenti sia all'odio razziale (oggi è il Giorno della Memoria della Shoah) che incombe sempre, che alla tolleranza esagerata verso chiunque voglia distruggere una cultura e una civiltà millenarie. Un cordiale shalom

***

Gentilissima Signora Fait,
l’assoluzione di Hoess non è “segno dell'ipocrisia di chi non è interessato alla giustizia nel mondo” (come si legge nell’odierno commento redazionale all’articolo di Ferdinando Camon "Fu assolto persino lo sterminatore di Auschwitz", Avvenire 26.1.2021), bensì applicazione della fede cattolica nell’ineffabile misericordia divina. L’assoluzione impartita dal confessore non è riconoscimento di innocenza (al contrario, presuppone che il penitente riconosca di avere peccato e meritato il castigo divino) e non è neppure uno sminuire il male né una benevola riabilitazione sociale, bensì il riconoscimento che Dio ha tanto amato gli uomini – ed al contempo tanto ha orrore del male – da ‘trattare come peccato’ il Figlio Unigenito, che è morto in croce e risorto proprio per rendere possibile la salvezza di ogni uomo che si affidi alla Sua misericordia, qualunque cosa abbia fatto. Capisco che si tratta di un discorso teologico probabilmente non chiarissimo ‘visto dall’esterno’, ma non credo che la richiesta di giustizia possa spingersi fino a volere l’eterna dannazione di un uomo. Nemmeno quando si tratta di assassini di un’efferatezza per la quale non credo esistano parole. Con i più cordiali saluti,

Annalisa Ferramosca

Gentile Annalisa,  
Posso capire il suo ragionamento da persona di profonda fede ma non posso condividerlo. Che "l'animale" Rudolf Hoess sia stato assolto da colui che lo apostrofò esattamente con questa parola (offensiva per gli animali, a mio parere) significa che, per citare l'autore dell'articolo, Ferdinando Camon, "se fu possibile assolvere il comandante di Auschwitz, allora non c'è nessun colpevole sulla terra che non possa pentirsi e non possa essere assolto". Comodo per quel criminale assassino riconvertirsi alla fede cattolica per avere il perdono, comodo per chi aveva commesso crimini tali ai quali, "nessuno potrà credere" per la loro ferocia , efferatezza, enormità inumana. Ha fatto sbranare bambini, ha reso l'umanità imprigionata ad Auschwitz priva dei più elementari diritti alla dignità, ha permesso esperimenti umani, ha fatto cose che nessuno credeva possibili, poi, temendo di finire all'inferno che, come cristiano pensava esistesse, si è confessato, è stato assolto grazie "all'ineffabile misericordia divina". Misericordia a lui sconosciuta, misericordia negata alle vittime. Ha pianto fino al momento dell'esecuzione, dice il gesuita, certamente, la paura fa anche piangere come piangevano i suoi milioni di vittime che alla fine non avevano più lacrime ma solo il terrore che rende muti. Hoess non si è affidato alla misericordia di Dio ma alla sua paura di omuncolo coraggioso solo con chi non poteva difendersi. Si, un essere simile, a mio parere, meritava la dannazione eterna e nulla più. Un cordiale shalom

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT


Sostieni INFORMAZIONE CORRETTA con il tuo contributo

o saremo costretti a sospendere le pubblicazioni


Con 90 euro l'anno puoi continuare ad avere tutti i giorni una informazione indipendente su Israele


Se provvedi entro Marzo potrai usufruire dell'offerta speciale di soli
60 euro annuali

(equivalente al costo di un caffè la settimana)

Paga ora con carta di credito/Paypal cliccando qui

oppure con bonifico bancario verso il conto IT72M0200801140000101349255 intestato a Informazione Corretta - Angelo Pezzana


Contributi superiori al minimo richiesto sono ovviamente graditi in questo momento
di particolare necessità.