Riduci       Ingrandisci
Clicca qui per stampare

I meriti di Donald Trump 12/01/2021



Donald Trump

Buongiorno, volevo augurare buon anno, oltre che a tutti voi, a Deborah Fait, per l’articolo citato in oggetto e dirle che la penso esattamente come lei!!! Che Dio ce la mandi buona con il nuovo duetto americano. Chissà… shalom ve kol tuv,

Anita Zaia

***


Brava Deborah, continua a pensare con la tua testa!

Stefano

***

Simpaticissima Deborah, leggo spesso le sue analisi, che trovo sempre profonde, lucide e grintose. Ho avuto in passato il piacere di conoscere suo figlio Aaron e di apprezzarlo per la sua mente e la sua ricerca. Peccato, malgrado la sua intelligenza, non apprezzi Trump. Condivido senza riserve quanto lei ha scritto sul Presidente e sono molto preoccupata per l'azione distruttiva che metteranno in atto questi sinistri personaggi di sinistra sempre più estrema che hanno arraffato il potere in Usa. C'è un imbarbarimento sempre più grave in questo nostro mondo, a cui Trump avrebbe potuto, almeno per qualche anno ancora, mettere un freno."Wait and see", come lui direbbe. Ma temo che quel che vedremo non ci piacerà affatto.  Continui impavida la sua lotta, che ha tutto il mio apprezzamento.  La saluto e la ringrazio per il suo coraggio morale.

Laura

***

Grazie per aver difeso Trump, è stato un ottimo Presidente, ha sbagliato, come tanti altri, sul Covid ma avrebbe meritato un vero premio Nobel per la Pace con il suo Accordo di Abramo! Mi dispiace che sarà ricordato solo per l'assalto al Campidoglio da parte dei suoi sostenitori (!?), non credo che ci saranno indagini serie su che erano veramente gli assalitori! Io ci spero ancora e La ringrazio per aver ricordato i suoi meriti.

Renata 

***


Complimenti per l’ottimo articolo sul presidente Trump.


Pierluisa Casadio



***  

Cara Deborah sono d’accordo con te al 100% ed aggiungo che Trump è un uomo di Dio mentre i suoi predecessori e successori sono tutti satanisti, uomini con delirio di onnipotenza controllati da un mostruoso sistema finanziario, industriale, mediatico, poliziesco e giudiziario di dimensioni planetarie. Gli USA ultimo baluardo di democrazia al mondo sono crollati. Dio ci aiuti.
Da cristiano so che tutto questo è già stato scritto nella Bibbia e che gli eventi dell’apocalisse sono alle porte. Il regno dell’anticristo i.e. NWO, big reset, ONU, UE, Etc. Ma l’ebreo Gesù sta tornando per mettere tutto a posto. Buona vita,


Diego

***

Gentile Deborah, premetto che condivido l'articolo di Gabutti, e ho sempre pensato che gli importanti risultati dell'amministrazione Trump in medio oriente non sono farina del suo sacco. Lui ha saputo prendersi il merito, ma quello che mi dispiace è il danno che ricade sul genero Kushner. Lei scrive "....quando esplose la protesta per l'uccisione di Floyd la Casa Bianca fu circondata da orde di scalmanati che sarebbero entrati se il cordone della polizia non lo avesse impedito e Trump fu portato di corsa nel bunker. All'epoca i media non si scandalizzarono troppo."; il fatto è che a fomentare i facinorosi non fu il capo politico dell'opposizione nè un'alta carica del partito democratico. Attenzione ai personaggi della "destra" e non mi riferisco al governo di Netanyahu, che ritengo uno dei migliori governi che Israele abbia mai avuto; ma le destre come quella di casa nostra sono un'altra cosa. Volendo fare un nome, penso a Salvini, il quale si è sempre dichiarato amico di Israele confermandola anche con una visita ufficiale. Mi chiedo se Salvini avrebbe fatto lo stesso se al governo ci fosse stata un'amministrazione di sinistra...sa perchè?, durante le votazioni nelle assemblee dell' ONU, quando si votano le risoluzioni contro Israele, l'Italia ha sempre votato per la condanna; non mi risulta che ci siano state reazioni da parte di Salvini, Meloni e Berlusconi. Anche la sinistra ha le sue colpe, ma escludendo la parte estrema, credo che i valori presenti in essa consentono una correzione nelle sbavature antisemite; vedi la Labour in Inghilterra. Cordialmente…

Angelo Di Palma

***

Avete allargato il vostro pertugio dal quale vedeste Trump?
Se non mi sbaglio, IC è un blog settentrionale. Il covid19 ha offuscato la vostra visione, a Barletta e Messina ci sono meno abbonati IC e meno colpiti dal covid19, almeno non lo sappiamo.
Quando io lo chiamavo burattino ero troppo clemente con lui avrei dovuto adoperare qualche cosa più forte.
È vero che ha fatto qualche cosa di bene per Israele, anche le pecore danno latte.
E adesso vedremo come si tira avanti.


Amo Fuchs 


***
 



Trump novello Robin hood ribelle contro un nemico infinitamente più potente . Continuamente deriso e insultato ha combattuto e perso con onore la sua battaglia. 

L. Citterio

***


Carissima e Gentilissima Signora Fait, 
Ho atteso a lungo prima di scriverLe in merito ai recenti fatti degli Stati Uniti, ma ora, leggendo il Suo articolo di oggi, domenica 10, sul mutamento d'umore degli amici, soltanto perché Lei coraggiosamente si schiera dalla parte di Trump, devo dire che a volte questa gentaglia che parla a vanvera senza sapere quello che dice va lasciata bollire nel suo brodo e poi constateremo che quel brodo sarà più che rancido.
Tanto per cominciare, sui sedici punti a favore di Donald, ci aggiungerei anche la mia firma.  Nonché la mia solidarietà con Lei.  
Che in ultimo Trump abbia sbagliato di calcolo politico, non sono certo io a negarlo: alla fin della fiera, quando ero sotto le armi (qui in Italia), nel lontano 1957-58, il mio colonnello continuava a ripeterci che un buon generale è tale soltanto se vince la guerra, anche se ha perso diverse battaglie.  Napoleone, ad esempio, vinse a Marengo, ad Austerlitz, a Wagram e al diavolo a quattro, ma perse alla battaglia di Lipsia e a quella di Waterloo.  L'ultima battaglia di Trump purtroppo è stata quella che gli è costata la rieleggibilità (e chissà se mai potrà esserlo nel 2024).  Ovviamente, teniamo anche conto che i possibili fan di Trump - veri o finti che fossero - saranno stati sobillati dai democratici, che per manovre del genere vanno famosi.  Secondo un noto proverbio italiano "Dio non paga il sabato".  Il che significa che dopo lo shabbat inizia un'altra settimana e poi ancora un'altra, ma alla fine arriverà il rendiconto finale.  
Quello che maggiormente mi ha dato fastidio è stata la frase di Gad Lerner, che dà del nazista a chi osa prendere le difese di Trump.  Proprio lui, che dovrebbe quantomeno starsene zitto con la coda tra le gambe, o sbaglio?
Shalom.  E scusi per la lunga chiacchierata.

Mario Salvatore Manca di Villahermosa  

Gentile Amiche e Amici,  
Desidero ringraziare tutti voi per la solidarietà e le belle parole che avete scritto. Siccome le vostre lettere vertono tutte sull'argomento Trump, ho dovuto raggrupparle per motivi di spazio.  Temo che quanto accaduto lo ricorderemo per molto tempo anche per le ingiustizie commesse nei giorni seguenti: la criminalizzazione di un presidente degli Stati Uniti, il vergognoso blocco sui social e tutto quello che ancora seguirà. Vorrei dire, a proposito degli Accordi di Abramo che qualcuno ha nominato che senza Trump non sarebbero mai stati firmati, il merito è suo, Kushner è stato un bravo tramite tra il presidente e i paesi arabi e nulla più. A Amo Fuchs vorrei dire che è vero che anche le pecore fanno latte ma questi accordi daranno a Israele un senso di libertà mai avuta prima, turismo, sviluppo economico e, perché no, dollari. Ringraziando ancora tutti voi, vi saluto con un cordiale shalom

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui