lunedi` 21 settembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco il volto dell' 'islam moderato' (sottotitoli a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Le parole di Aoun 09/08/2020
Gentilissima Deborah, il primo ministro libanese ha affermato che i responsabili della disastrosa esplosione che ha semidistrutto Beirut sarebbero stati perseguiti ed ha subito ordinato gli arresti domiciliari per alcuni funzionari della dogana. Se fosse coerente con il suo proposito però, il primo ministro libanese dovrebbe mettere subito agli arresti domiciliari se stesso e tutti i membri del suo governo. Anche accettando la versione ufficiale libanese che nel deposito portuale c'erano " solo " 2.750 tonnellate di nitrato d'ammonio ( con l'abitudine consolidata di hezbollah di nascondere esplosivi e munizioni ovunque , infischiandosene della sicurezza dei civili, qualche dubbio è lecito ) non si trattava di un carico di esplosivi scaricato da una nave il giorno prima o una settimana fa, operazione di cui il governo libanese avrebbe anche potuto non essere stato informato. Questo quantitativo abnorme di nitrato d'ammonio era lì da molti anni , in un normale deposito portuale limitrofo ad una zona fortemente antropizzata, ed il governo libanese, che ne era perfettamente a conoscenza, si era assunto un rischio enorme. I primi responsabili del disastro sono quindi proprio i politici che governano il Libano. Cordiali saluti

Enrico Stradoni

Gentile Enrico,
Lei ha perfettamente ragione. Il presidente libanese Michel Aoun e il suo governo corrotto sono i principali responsabili della strage di Beirut. Tra l'altro, come capo del Movimento Patriottico Libero aveva firmato nel 2006 un accordo con Hezbollah che è in atto tuttora lasciando praticamente all'organizzazione terroristica il potere nel paese. Il molo 12 dove si trovava il magazzino esploso era praticamente di proprietà dei terroristi e si può immaginare cosa raccogliessero all'interno dei loro magazzini. Nel 2010 l'alleanza tra il governo libanese e Hezbollah venne ulteriormente rafforzata tanto che dal 2013 il deposito portuale non fu più controllato lasciando ai terroristi Hezbollah mano libera per accatastarvi armi e materiale per fabbricarle come il nitrato d'ammonio. Ho il timore che, come è accaduto con la strage di Bologna e di Ustica, i veri responsabili non verranno mai accusati di nulla perché, pare impossibile, ma sia i terroristi palestinesi che Hezbollah sono protetti anche dall'Europa.
Un cordiale shalom

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT