lunedi` 01 giugno 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Viaggio alla scoperta del Kotel (Muro occidentale) a Gerusalemme (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






A proposito di Liliana Segre 22/01/2020
Gent.le sig.ra Fait, e' da un po' che ho in testa quanto segue. Rispetto e ammiro la sen Segre sia per il suo tremendo passato,sia per l'impegno e la lucidita' che dimostra nel presente nonostante la sua eta'.Mi duole che (forse) non si accorga della sua strumentalizzazione politica e mi duole che abbia votato a favore del governo attuale ,che e' tra i piu' antisemiti mai visti in Italia,con i 5stelle e Grillo palesemente in ogni occasione contro Israele.Giusto ieri in reg Lombardia hanno votato contro antisemitismo (non ho sentito esattamente la mozione) e poiche' ne faveva parte anche il voto contro il BDS i 5 stelle appunto hanno votato contro. Persino Napolitano ha associato l'antisemitismo all'antisionismo. Peccato proprio che anche la sig.ra Segre sia finita nel calderone del pensiero unico anti razzismo anti sionoismo ....anti tutto e anti niente. cordialita'
Annalisa Rossi

Gentile Annalisa,
L'atteggiamento della signora Segre risulta spesso incomprensibile. Agli inizi della sua carriera politica mi sono sentita più volte ferita, in quanto ebrea, sionista, sopravvissuta alle razzie del Gauleiter delle SS Lotario Globocnik che, a Trieste, dava la caccia agli ebrei. Pensavo che la senatrice si sarebbe sentita legata all'idea di Israele patria eterna del popolo ebraico. Sbagliavo e da quando è stata eletta non ho mai sentito uscire il nome di Israele dalla sua bocca. Anch'io pensavo che la Segre non si rendesse conto di essere strumentalizzata ma oggi credo esattamente il contrario, lei sa perfettamente cosa deve fare e dire, non è una vittima della furbizia altrui. L'antisemitismo e l'antisionismo non la coinvolgono più di tanto se non mescolati a qualcosa di più generico, cioè razzismo, violenza, violenza negli stadi, rom e sinti. Credo sia giunta l'ora di non pensare a ciò che fa o dice la senatrice perché non giova a nessuno se non a se stessa.
Un cordiale shalom

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT