lunedi` 01 giugno 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Viaggio alla scoperta del Kotel (Muro occidentale) a Gerusalemme (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Domande senza risposte 16/01/2020
Ho letto con interesse la recensione del libro di A.Tarquini "La Sinistra italiana e gli ebrei - Socialismo sionismo e antisemitismo". E' un argomento che mi sta a cuore ma, mi chiedo, senza saper darmi una risposta, perché? Perché proprio la sinistra? Che risposta si può dare? Sono un'anziana di 84 anni, di famiglia e per convinzione da sempre di sinistra. Non riesco a capacitarmi: perché su 60 milioni di persone che hanno dovuto lasciare la propria casa e il proprio paese dopo la seconda guerra mondiale, solo ia vicenda dei palestinesi accende gli animi e alimenta l'antisionismo e ' antisemitismo? Possibile che persone perbene, di buona cultura, che non potrei accusare di insensibilità, come le mie amiche anziane come me. si pronunciano sempre con ostilità contro Israele, l'unica democrazia del medio oriente?

MARIA ANGELA PASTORELLO - TORINO

Gentile Maria Angela,
Le sue domande sono da sempre anche le mie ma restano senza risposta, o meglio, la risposta è che l'antisemitismo è un sentimento tanto violento da essere considerato malattia mentale quindi non può essere circoscritto a un'ala politica specifica. Quando ero giovane non me ne facevo una ragione, mi sentivo attaccata da destra come ebrea e da sinistra, con la stessa violenza, come sionista. Nonostante nel mondo vi siano milioni di profughi, gli unici ad accendere gli animi sono coloro che profughi non sono, i palestinesi. E' il potere della propaganda, quella che costa miliardi, una propaganda priva di etica, basata solo su menzogne, di cui gli arabi palestinesi sono detentori e maestri.
Un cordiale shalom

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT