venerdi 07 agosto 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Sono nato per odiare gli ebrei': una testimonianza sull'antisemitismo islamista in Europa (Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Betlemme e l'Anp 27/12/2019
La lettura dell'articolo della sig.ra Fait mi richiamato alla mente due cose. La prima è che, se non vado errato, l'ultimo sindaco cristiano di Betlemme, Elias Fraij, chiese al premier di allora, Rabin, di non cedere l'amministrazione della città ad Arafat. Poi sappiamo come è andata. A questo punto mi interrogo sull'autolesionismo non sempre assente nella storia millenaria del popolo ebraico. La seconda cosa è che la Maraini , per ciò che dice sui testi biblici, mi pare sia ferma alla prima comunione. Infatti mi ricordo che alla preparazione per quel sacramento a noi ragazzi veniva insegnato che il Dio del Nuovo Testamento era Amore , al contrario del Dio duro e severo del Vecchio Testamento. Disdicevole per una che viene considerata una maitre à penser. Saluti

Diodooro Cerritello

Gentile Diodoro,
Mi sono sempre chiesta per quale motivo nei trattati di Oslo sia stata inclusa Betlemme tra le città da consegnare a Arafat. Betlemme era all'epoca a maggioranza cristiana (90% della popolazione) perciò posso supporre che vi sia stato lo zampino del Vaticano da sempre amico dei palestinesi. Purtroppo negli anni i cristiani hanno abbandonato la città vessati dalla mafia palestinese e dalle organizzazioni integraliste che ne presero praticamente il controllo. Oggi la presenza cristiana a Betlemme è meno del 9% e continua a scendere mentre è in continua ascesa in Israele.  Questo non toglie che vi sia del vero nel concetto di autolesionismo che caratterizza noi ebrei. Quanto alla Maraini, lei ha perfettamente ragione, è rimasta ancorata agli insegnamenti che venivano impartiti alle elementari e che anch'io ricordo perfettamente. La scrittrice evidentemente non si è molto evoluta da allora e questo le ha procurato la figuraccia che ha fatto con quella orrenda lettera al Corriere.
Un cordiale shalom e buone Feste.

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT