sabato 24 agosto 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Europa schierata con l'Iran cerca di conservare l'accordo sul nucleare. La risposta di Benjamin Netanyahu (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La questione dei profughi 09/08/2019
Apprezzo, anche se non condivido in pieno, gli articoli di Deborah Fait, ma temo che qualche volta si faccia prendere la mano dalla foga. Nel suo intervento odierno sul servizio di Rai Uno su Israele, parla di "territori che gli arabi palestinesi occupano indebitamente da 70 anni"; anche alla luce della storia militare degli ultimi 70 anni, è un concetto un po' difficile da mandare giù. Cosa ne facciamo di questi intrusi? Cordiali saluti.

Sandro Zanchi - Siena

Gentile Sandro,
Nel 1948, durante la prima guerra arabo-israeliana, la Legione araba invase Giudea e Samaria inclusa Gerusalemme est. Nel 1950, nonostante la sentenza di illegalità da parte della comunità internazionale, la Giordania annesse quella regione, destinata a Israele dall'epoca della conferenza di Sanremo del 1920. Da quel momento espulse tutti gli ebrei che vi abitavano, rase al suolo più di 50 sinagoghe, distrusse i cimiteri, usando le lapidi per lastricare le strade e incominciò a popolare quel territorio di arabi venuti dalla Siria e dal Libano, infine costruì dei campi profughi per gli arabi fuggiti da Israele a causa della guerra. Questi ultimi furono messi nei campi convincendoli che erano rinchiusi là per colpa di Israele. Gli arabi dei paesi circostanti si sono sempre rifiutati di assorbire i cosiddetti arabi palestinesi perché servivano come scusa per creare odio verso Israele anche da parte dell'occidente, inventandosi la storiella dei poveri palestinesi. Questa idea ebbe infatti un grande successo e ancora oggi ne paghiamo le conseguenze. Per questo motivo io asserisco che sono gli arabi ad occupare terre ebraiche e non viceversa. La dimostrazione che gli stessi arabi palestinesi non vogliono avere un loro stato (che, se vogliamo dirla tutta, sarebbe la Giordania) ma conquistare tutta Israele per creare una grande umma islamica, sta nei loro ripetuti rifiuti di sedersi intorno a un tavolo e discutere il loro e nostro destino.
Un cordiale shalom

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT