venerdi 15 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






L'ambasciatore inglese in Usa 12/07/2019

Gentilissima Signora Fait,
la cosa più grave del caso dell’ambasciatore britannico a Washington è che i giudizi negativi sul presidente degli Stati Uniti sono stati espressi in comunicazioni riservate dirette al Governo o al Ministero degli esteri britannico (“diplomatic cables”), finite ancora non si sa come sulla stampa. Da che esiste la diplomazia, gli ambasciatori scrivono al proprio Governo cose che mai potrebbero dire pubblicamente sul conto dello Stato in cui operano e delle relative pubbliche autorità: relazioni coperte dal più rigoroso segreto, che solo gli storici di epoche successive possono, a volte, ritrovare negli archivi. Perciò, il primo interrogativo, per il Governo britannico, è quale sia lo stato del suo servizio diplomatico, a cominciare dalla capacità di evitare fughe di notizie dalle sue ambasciate e la divulgazione di ciò che solo il Governo stesso dovrebbe leggere.

 Con i più cordiali saluti,
Annalisa Ferramosca

Gentile Annalisa,

Quando accadono queste cose mi chiedo se siano dovute a mancanza di professionalità, a semplice stupidità oppure se si tratta di gaffes volute per creare imbarazzo. La fuga di notizie è un problema che si verifica troppo spesso per pensare si tratti di semplice ingenuità o incapacità. Le parole dell'ormai ex ambasciatore a Washington dimostrano chiaramente che il signor Darroch dovrebbe cambiare professione, la diplomazia non è fatta per lui e certamente non era adatto a svolgere il suo servizio nella capitale USA. Forse sarebbe stato meglio se lo avessero mandato a rappresentare l'Inghilterra in qualche sperduta comunità dove non avrebbe potuto creare problemi diplomatici e fare troppi danni.

Un cordiale shalom

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=6&sez=120&id=75243&fbclid=IwAR15hnEeLOVD2MGz64ZfFGr9Yx5JdZLuUT0Iku_iElqraTKgcxkiB5LGMrY  


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT