giovedi` 23 maggio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Storia dell'antisemitismo assassino, da Hitler al terrorismo islamico (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Quella vignetta sul New York Times 02/05/2019

Gentilissima Signora Fait, ho visto su diversi giornali israeliani on line la vignetta pubblicata sul New York Times che raffigura Trump come un cieco guidato da un cane con la faccia di Netanyahu. Molti hanno, giustamente, notato i molti aspetti antisemiti della vignetta, dalla kippà sul capo di Trump (solo un ebreo può amare Israele?) al collare con il Magen David, all’idea generale dell’ebreo che trascina il mondo dove vuole. Mi pare sia sfuggito un altro aspetto francamente oltraggioso: la metafora di un Trump cieco che si lascia guidare politicamente da Netanyahu (o, più crudamente, di un presidente americano sprovveduto che si fa condizionare o dettare la politica estera dal primo ministro israeliano, presumibilmente nell’interesse di Israele e non degli Stati Uniti) presuppone un pregiudizio molto offensivo verso chi è fisicamente cieco ed uno stravolgimento del ruolo dei benemeriti cani guida. In assenza di tale pregiudizio e stravolgimento, la metafora verrebbe capovolta e la vignetta (naturalmente priva di inutili kippà e Magen David e con ben altra faccia di Netanyahu) esprimerebbe l’affidabilità di Israele come alleato degli Stati Uniti e l’utilità dell’esperienza politica e diplomatica del primo ministro israeliano nei pericolosi meandri delle vicende mediorientali. Con i più cordiali saluti,

Annalisa Ferramosca

Gentile Annalisa,
La sua teoria è interessante comunque non credo che l'autore della vignetta volesse offendere i non vedenti né i bravissimi cani guida, semplicemente ha voluto creare qualcosa di estremamente offensivo nei confronti del presidente USA, secondo la vignetta cieco e incapace, e un Netanyahu furbo che lo trascina dove vuole lui. La vignetta è offensiva contro entrambi, un presidente stupido e un primo ministro perfido e molto astuto. Anche capovolgendo la metafora non ne uscirebbe nulla di buono e la storia dell'autore e delle sue vignette lo dimostra. Come l'articolo di Fiamma Nirenstein sta a dimostrare: http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=9&sez=120&id=74487
Un cordiale shalom


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT