venerdi 06 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Speranza e ottimismo 22/04/2019

Gentilissima Signora, da quanto scrive ritengo che Lei non abbia alcuna conoscenza del Vangelo e neppure della Torah e dei Profeti. Il mondo ebraico Ŕ stato perseguitato, vilipeso, deriso, segregato, asservito, sia dalla Chiesa Romana che dall’Islam e per il futuro non c’Ŕ da sperare di meglio, vista soprattutto la palese ipocrisia di questo Gesuita che si Ŕ fatto chiamare Papa Francesco. Non riesco proprio a capire tutto il Suo ottimismo. Sono stato da sempre molto riservato, ma stavolta proprio non ho resistito all’impulso di manifestare il mio dissenso. Le invio il link di un articolo che potrebbe illuminarLa. Con i pi¨ cordiali saluti –

Tommaso Todaro.

Gentile Tommaso,

sinceramente non capisco il paragone tra ottimismo e ignoranza. Crede davvero che non sappia cosa Ŕ accaduto agli ebrei nei secoli? Lo scrivo ogni volta che posso, forse lei non mi segue attentamente, ma credo di avere decine, se non centinaia di articoli in cui parlo delle persecuzioni patite dagli ebrei sia dalla chiesa cristiana che dall'islam. Non Ŕ certo una novitÓ, come non Ŕ una novitÓ che, sia in Notre Dame che in molte altre cattedrali, basiliche o semplici chiese, i simboli antisemiti sono spesso presenti. La Francia in particolare ha una storia di oltraggio e di odio antisemita da far paura, persecuzioni, incendi di migliaia di manoscritti proprio nella piazza accanto a Notre Dame fino all'espulsione definitiva del 1394. Essere consapevole di tutto questo ed essere allo stesso tempo ottimista fa parte del bagaglio dell'animo ebraico. Chi lo avrebbe detto che gli ebrei, solo un paio d'anni dopo la fine delle loro sofferenza in Europa, usciti dai campi della morte, avrebbero creato dal nulla uno stato dove vivere, lavorare e ridere nonostante tutto e nonostante le guerre arabe. La speranza Ŕ il titolo dell'inno nazionale israeliano e non c'Ŕ speranza senza ottimismo.

Un cordiale shalom


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT