martedi` 18 giugno 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Mi chiamo Roi e sono orgoglioso di essere israeliano' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Antisemitismo europeo 22/02/2019

Gentile Deborah Fait, ci sono due buone notizie che ci fanno un po' respirare ( se cosi' si può dire ). Sette deputati laburisti, hanno lasciato il partito dell'antisemita, vigliacco e spocchioso, Jeremy Corbyn. Luciana Berger, ebrea, ha chiaramente detto,di essere stata vittima di attacchi antisemiti all'interno del suo partito, la cui deriva si sa, è sempre piu' di estrema sinistra. Conosciamo perfettamente la carta di identità di Jeremy Corbyn. Lui ha una profonda simpatia ed amicizia con Hezbollah e Hamas Due organizzazioni terroristiche prezzolate, del paese piu' carogna del mondo : Iran. L'altra notizia piu' importante è che questa sera 19/02/, a Parigi ed in altre città francesi, finalmente, le piazze si sono riempite ,in quantità eccezio le, di cittadini schierati, assieme alle comunità ebraiche, contro gli atti barbarici di stampo nazista. C'erano anche due ex presidenti francesi, ossia Hollande e Sarkozy,oltre ovviamente, il presidente Macron. Tutto ciò, non è un antidoto,purtroppo, contro questi balordi antisemiti, però è un segnale importante, molto importante. Perchè ora si protesta, si scende nelle piazze, c'è della solidarietà, in questo momento. Si comincia a stigmatizzare, da parte delle istituzioni ( sino a quando? ), tutti gli attacchi antisemiti contro gli ebrei francesi, che lo scorso anno, sono stati tantissimi, e non solo. Stelle gialle sulle vetrine dei negozi , sfregi sulle lapidi di un cimitero ebraico, profanato con le svastiche. Al solo pensiero, vengono i brividi, perchè ricordano gli esordi di un passato terribile, indicibile. Si spera che da ora in poi ( chissà ), gli ebrei francesi, saranno più tutelati. Altrimenti la Francia, comincerà davvero a svuotarsi per intero, della piu' grande comunità ebraica d' Europa, della loro cultura, della loro importanza fonda- mentale. Quindi, significherà, la vittoria degli islamisti. Che orrore! Perdoni questa interminabile lettera, che non appartiene al mio standard. Shalom

Alessandra

Gentile Alessandra,
Mi auguro che, come lei scrive, questa solidarietà sia un segnale per il futuro e non una reazione emotiva alla vergogna del momento. Nel 2018 le aggressioni antisemite sono state 500, il 74% in più dell'anno precedente. Questi numeri fanno impressione se pensiamo al passato che ha visto essere la Francia uno dei paesi più antisemiti d'Europa tanto da far accapponare la pelle a Theodor Herzl. Ormai in alcune città di Israele si sente parlare francese, i negozi vendono prodotti francesi e la comunità cresce a vista d'occhio. E' un bene per Israele ma è una disgrazia per l'Europa che, senza ebrei e con l'aumento dei musulmani, diventerà triste e cupa, oltre che molto pericolosa. Non ci resta che sperare in un rinsavimento generale.
Un cordiale shalom


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT