sabato 23 febbraio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Brigitte Gabriel rivela la strategia per islamizzare l'America (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Israele/Terra Santa 01/02/2019

Gentile Signora Fait, se mi è permesso tornare sulla querelle di Israele/Terra Santa, vorrei aggiungere una considerazione perfino banale. Terra Santa, nella accezione cristiana del termine, ha un ovvio significato spirituale e nessun riferimento all'attuale situazione politica. Senza dimenticare il fatto che, secondo il diritto internazionale, Giudea e Samaria, a pieno titolo rientranti nel concetto di "Terra Santa", non sono (almeno al momento) ascrivibili allo stato di Israele come entità territoriale. A meno che, forzando i vari trattati internazionali, Israele non intenda già per definitivamente acquisito quanto al momento è ancora al centro di trattative in vista di uno (sempre più improbabile) stato di Palestina.

Alessandro Bortolami

Gentile Signor Alessandro,
Quello che io non capisco è il motivo per cui sia così difficile dire, scrivere, pensare il nome legittimo di Israele. Come lei dice giustamente Terra Santa ha un significato squisitamente spirituale quindi da non usare nel linguaggio politico senza incorrere nelle giuste proteste di chi vive in un paese sovrano e non in una fantomatica Terra Santa o Promessa che sia. Sul mio passaporto sta scritto Israele come su quelli dei cittadini israeliani viventi in Giudea e Samaria. Quello che fanno il Vaticano e i giornali cattolici è delegittimazione di uno stato sovrano tanto più inqualificabile se pensiamo ai 35 anni di ritardo che hanno impiegato a riconoscerlo. E' il passato della Chiesa rispetto a Israele che mi induce a considerare quel Terra Santa come un'offesa.
Un cordiale shalom


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT