mercoledi` 16 gennaio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Gaza: le responsabilità sono di Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Deportare/espellere, esercito di Tel Aviv,Terra Santa/Israele... 28/12/2018

"Il Manifesto traduce oggi - per l'ennesima volta, ma non è l'unico giornale che è solito farlo - il verbo inglese "to deport" con l'italiano "deportare", mentre la traduzione corretta è "espellere". Il quotidiano comunista dà così prova non solo di pregiudizio ideologico, ma anche di ignoranza." To deport *vuol dire sia espellere che deportare, certo che poi la scelta dell'uno o dell'altro termine sono rivelatori. Una pecca nella vostra critica più che condivisibile, ma, con un passato di interprete e docente della materia, so quanto il terreno delle traduzioni sia scivoloso.

P.Vinzio

Gentile P.Vinzio,

Sono d'accordo con lei che il terreno delle traduziopni sia scivoloso e che basti un niente per cambiare il significato di una frase. In questo caso però mi sembra lampante la mala fede. Su qualsiasi dizionario si legge to deport=deportare, cioè accompagnare una o più persone verso un luogo di pena al di fuori di un territorio, in modo coatto.
To expel = espellere, mandare via una o più persone. Spesso anche i media inglesi usano male il verbo dando così un' informazione non esatta. Quando una persona viene mandata via da un paese per vari motivi viene semplicemente espulsa. Mi viene in mente un esempio forse sciocco ma che dà l'idea della mala fede. Del terrorista Cesare Battisti i media parlano sempre di espulsione dal Brasile. I migranti illegali in Italia vengono espulsi, uno straniero che si comporta male viene espulso con il foglio di via.
Quando si tratta di Israele ecco che sbuca magicamente la parola deportazione e il motivo è molto chiaro. Deportare ricorda i tempi bui del nazifascismo e usarla per Israele significa dare un'immagine feroce di Israele nei confronti dei terroristi arabi. E' uno dei tanti trucchi linguistici usati per creare odio e confusione.
Terra santa o Palestina invece di Israele. Esercito di Tel Aviv....Guerriglieri o combattenti invece di terroristi e così via.
Nel video che le allego è molto chiaro l'uso corretto del verbo to expel. Cerchiamo di dare alle parole il loro giusto significato. https://israelunwired.com/netanyahu-supports-bill-to-expel-families-of-terrorists
Un cordiale shalomn e Buon Anno


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT