giovedi` 14 dicembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La verità su Gerusalemme, capitale dello Stato di Israele: il racconto di Danny Ayalon
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La dichiarazione di Barack Obama sullo status di Gerusalemme, capitale d'Israele (cliccare sulla funzione 'sottotitoli' per inserire i sottotitoli in italiano)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Kfar Kassem 05/12/2017

Buongiorno, semplicemente bisogna studiare caso su caso, e non limitarsi alla sola fonte. Non condannerò mai chi cerca verità, per il solo semplice fatto che la cerca, semplicemente chi accusa deve anche provare assumendosi onori ed oneri. o se preferisce con la frase attribuita a Voltaire " Non sono d'accordo con quello che dici, ma darei la vita purchè tu lo possa dire" e anche se esiste la Ragion di Stato, la ricerca non deve mai essere interrotta (ad esempio Kafr Kassim 1956 fu resa nota al pubblico dall'attività di due parlamentari comunisti della Knesset Meir Vilner e Tawfik Toubi). Cordialmente

Franco Licciardello

Gentile signor Licciardello,
Innanzitutto Kfar Kassem è avvenuto in un periodo buio per Israele, la chiusura del canale di Suez, i fedayn che imperversavano in Israele aizzati dal Muftì di Gaza, altri terroristi che facevano incursioni stragiste dall'Egitto, tutto questo fece si che Israele imponesse la legge marziale e il coprifuoco ai villaggi arabi da cui partivano i terroristi, per preservare la popolazione civile di Israele. In questa atmosfera cupa di guerra è avvenuto il massacro di Kfar Kassem che, al di là della tragedia delle 43 vittime, è la chiara dimpostrazione della democrazia israeliana. Non solo i responsabili vennero processati e condannati a molti anni di carcere ma sia l'attuale presidente Rivlin (Likud) che Shimon Perez condannarono il massacro chiedendo perdono. Può citarmi qualche capo di stato o politico o anche solo uomo della strada arabo, che abbia mai chiesto perdono per le decine di migliaia di israeliani massacrati? Inoltre, signor Licciardello, è interessante notare come, per quanto riguarda Israele, si vada sempre a rinvangare il passato senza mai rimarcare che i governi del paese e l'Alta Corte, sono sempre stati pronti a processare e a condannare i colpevoli di azioni di guerra non autorizzate mentre non si ricordano mai le stragi palestiniste, fatte in tempo di non-guerra. Atti di terrorismo stragista osannati sia dalla classe dirigente palestinista che da molti paesi arabi (spesso omessi e taciuti in Europa) e insegnati nelle scuole arabe come fulgido esempio di eroismo contro "scimmie e maiali" ebrei. Posso citarle soltanto il massacro di Pesach (2002) quando in un Hotel di Natanya furono ammazzate 30 persone e potrei andare avanti per ore ad elencare tutte le stragi commesse dai terroristi palestinisti. Quanto ai deputati comunisti Tawfik Toubi e Meir Vilner, non hanno fatto altro che il loro lavoro di antisionisti senza contare che, anche senza la loro denuncia, il processo ai responsabili era già stato attivato.
Shalom

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT