mercoledi` 17 gennaio 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il grande discorso di Danny Danon, Ambasciatore di Israele all'Onu (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Israele costruisce un ospedale in Siria (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Il Grande Slam e Israele 24/10/2017

Gentile Deborah Fait, la ringrazio per aver scritto l'articolo informativo sul Grande Slam di Abu Dhabi, dal momento che i media, non ne hanno accennato. Perlomeno, sinora, non me ne sono accorta. Lei ha davvero ragione quando parla della stupiditÓ degli arabi. Penso che siano proprio degli idioti, dei poveri mentecatti. Tutto il mondo sportivo dovrebbe insorgere ( ma quando mai! ). Si parla tanto di integrazione, di lotta alla discriminazione... e poi??? Ci si sciacqua la bocca di ipocrite frasi, di sciorinamenti di frasi, ma poi , nella sostanza? Conosciamo tutti la gioia di vivere della gioventu' israeliana. La loro passione dello sport. Se dipendesse da loro, che non hanno pregiudizi,conosceremmo giÓ la decisione. Io, personalmente, sono contraria a partecipare senza la bandiera, lo stemma, l'inno. Mi vengono i brividi, perchŔ mi ricorda tanto, il male assoluto. Ancora sottomessi, ancora soggiogati? No, grazie! Shalom

Alessandra Gargaro

Gentile Alessandra, mancano 3 giorni all'inizio del Grande Slam e i media israeliani tacciono probabilmente in attesa delle ultime decisioni. Come ho scritto nell'articolo, le organizzazioni sportive non si ribellano ai diktat arabi perchŔ non vogliono mettere in pericolo le loro laute donazioni. Si sa che, putroppo, tutto si pu˛ comprare a questo mondo, anche la giustizia e la lealtÓ nello sport. Non era certamente questo il tipo di comportamento cui pensava Pierre de Coubertin.
Un cordiale Shalom

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT