venerdi 15 dicembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La verità su Gerusalemme, capitale dello Stato di Israele: il racconto di Danny Ayalon
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La dichiarazione di Barack Obama sullo status di Gerusalemme, capitale d'Israele (cliccare sulla funzione 'sottotitoli' per inserire i sottotitoli in italiano)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



La saggezza politico-diplomatica di Bibi 01/08/2017

Io avrei fatto un intervento senza prima essermi documentato sulle motivazioni che hanno spinto il mio governo ad agire in quel modo? Mi chiedo con il cuore in mano se quando emettete giudizi su chi qualche volta non concorda con la vostra linea di pensiero, vi rendete conto che a volte le persone vivono e pensano altro da voi? Crede che io non conosca lo spessore di Volli oppure di Fait? Sono dolorosamente convinto di ciò che scrivo e credo di avere una solida visione dello scenario politico nel quale Israele è immerso, per dirla tutta, mi sorge il sospetto che a volte è a voi che sfugge qualche cosa.

Donato Di Segni

Gentile Donato,

Nessuno di noi pensa di aver ragione, semplicemente si esprimono delle idee su avvenimenti spesso molto complicati. Le decisioni prese da Netanyahu e dal suo Gabinetto sono state difficili ma credo anche ponderate. Proviamo ad andare a ritroso nel tempo. Per anni Israele ha dovuto cedere per evitare disastri e purtroppo sappiamo che una democrazia è sempre più debole rispetto alle dittature proprio perchè tenta altre vie prima di arrivare a scontri forse impossibili da sopportare.
Israele ha ceduto alla formula , per me indecente, di "Terra in cambio di pace", ha perso così territori e ha ottenuto solo terrorismo e guerre.
Samir Kuntar, assassino di bambini, liberato per riavere a casa i cadaveri di due nostri soldati. La terrorista della pizzeria Sbarro libera anche lei. E così tanti altri, a migliaia.
A me , ogni volta ribolliva il sangue nelle vene. Israele è stata disposta a fare sacrifici immensi pur di salvare la vita dei propri cittadini ed è quello che è accaduto anche questa volta. Il mondo islamico, dalla Turchia all'Indonesia, era pronto a fare una guerra di religione e non sappiamo con quali metodi, terrorismo seriale, missili, gli Hezbollah ne hanno a decine di migliaia prontI solo per noi.
Denunciare la Giordania all'ONU? Si, si poteva fare ma nel frattempo il re avrebbe fatto arrestare il nostro ragazzo ferito in ambasciata e adesso sarebbe in galera chissà per quanto tempo.
Bibi, approfittando della confusione lo ha riportato a casa il giorno dopo, insieme a tutti gli altri e Abdallah, dopo aver sbraitato come un matto, adesso tace. Tutta la faccenda si è sgonfiata anzichè incendiarsi e, anche se lei dice che ci sfugge qualcosa, sono grata a Netanyahu che ha evitato il peggio. Gli arabi ridono? E a chi importa? Loro sono sempre convinti di aver vinto anche quando perdono clamorosamente e con Israele hanno sempre perso. Benjamin Netanyahu ha fatto quello che credeva meglio per salvare Israele da una pericolosissima guerra di religione in nome di Allah e questo è molto più importante di essere considerati deboli dal resto del mondo che, come lei sa, ci odia.

 Un cordiale Shalom

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT