venerdi 23 ottobre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non esiste ancora uno 'stato arabo palestinese'? La risposta è semplice (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 

Libri & Recensioni
<< torna all'indice della rubrica
David Vogel Romanzo viennese 16/06/2014

Romanzo viennese                                       David Vogel
Traduzione di Alessandra Shomroni
Giuntina                                                           euro 16,50

Il romanzo viennese di David Vogel

Ballerine che si fanno invitare volentieri al caffè e sorridono ammiccanti al primo complimento. Mature borghesi annoiate, studentesse con molti grilli per la testa, o donne di strada, belle e perdute. Nel Romanzo viennese di David Vogel ci sono signore e signorine per tutti i gusti e per tutte le tasche, o almeno così pare al protagonista, un giovanotto un po’ strafottente e piuttosto perdigiorno. Michael Rost ha l’irruenza dei diciott’anni, è senza il becco di un quattrino e, almeno a giudicare dagli effetti sulle viennesi, ha tutta la stoffa di un solenne sciupafemmine. Ogni stagione ha il suo colore, e questa di Michael, scappato da una casa ebraica di provincia per scoprire la metropoli e immergersi nel gran mondo, ha una tinta inconfondibile. Di viola e di malva sono vestite le dame, e il cavaliere regala loro, immancabilmente, mazzi di tenere violette. Seduzioni avvolte di lillà, in nome di quella “violettomanie” così début du siècle, un morbo cromatico di cui si ammalò persino Marcel Proust. Qui nel romanzo ebraico di Vogel (1891-1944), scoperto nel lascito dell’autore solo tardivamente, il viola non si accompagna a gentili romanticherie. Michael prorompe di vitalità e il libro vuol essere una scorribanda tra le emozioni e il sesso. Così il ragazzone s’impegna in un triangolo osé con la sua avvenente padrona di casa e con la di lei figliola. Situazione tanto eccitante quanto foriera di guai, tutti puntualmente sciorinati in una prosa acerba e inquieta. Mettetevi il vestito buono, portatela a cena e, se sta per piovere, che almeno le nuvole siano violette. Successo assicurato.

Giulio Busi

Il Sole 24 Ore


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT