domenica 11 aprile 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard delle Nazioni Unite contro Israele: le parole di Hillel Neuer (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
L'aria che tira su La7 18/03/2021
L'aria che tira su La7
Commento di Deborah Fait

Speciale L'aria che tira | su La7 con Myrta Merlino - Marida Caterini - TV  Intrattenimento Informazione Talk Show

"L'aria che tira" trasmissione di TV7. 17 marzo, ore 12,15.
Conduce Mirta Merlino sostituita da Francesco Magnani.
Argomento, i vaccini.

Naturalmente l'argomento fisso di ogni talk show Ŕ da pi¨ di un anno la pandemia che ha bloccato il mondo intero. Non si parla d'altro, a volte anche a vanvera. Il corona virus e i vaccini studiati per sconfiggerlo sono ormai entrati a far parte del nostro quotidiano. Durante la trasmissione Francesco Magnani, parlando della situazione vaccinale di vari paesi se ne Ŕ uscito con questa frase: "…e adesso torniamo all'Inghilterra che ci Ŕ culturalmente pi¨ vicina di Israele". Non credo proprio, Israele pur trovandosi in Medio Oriente, Ŕ culturalmente, socialmente, dal punto di vista scientifico e tecnologico un paese occidentale, economicamente avanzato, moderno, abbiamo anche la luce elettrica, il frigorifero e le scuole di ogni ordine e grado. Glielo posso assicurare. Parlando dei vaccini, si capisce che a certuni dia fastidio, soprattutto nel caos europeo, áche Israele, ásia al primo posto nel mondo ad aver raggiunto quasi la completa copertura della popolazione. Ha vaccinato anche i lavoratori palestinesi e ha mandato decine di migliaia di dosi ad Abu Mazen e a Gaza. Il tutto senza tante tragedie, in perfetto ordine.

Contagi sul lavoro da Covid-19, pi¨ di sei casi su 10 denunciati all'Inail  tra ottobre e gennaio - INAIL

Anche qui abbiamo avuto i nostri lockdown, anche qui, come in Europa, abbiamo i nostri anti-vax che danno fastidio ma non pi¨ di tanto. Anche qui abbiamo avuto i nostri morti. áZahal, l'esercito di Israele, ha giÓ raggiunto l'immunitÓ di gregge. Quando in Europa, Inghilterra compresa, stavano ancora litigando e pensavano di preparare tendoni fioriti, in Israele era tutto giÓ pronto. Netanyahu aveva telefonato varie volte a Pfizer, di giorno e di notte, tanto che il Ceo Albert Bourla ha raccontato ridendo che a un certo punto gli ha detto "Signor Primo Ministro, sono le 3 di notte". E la sera seguente sono arrivati gli aerei con milioni di dosi. Mentre Israele vaccinava migliaia di persone al giorno in ogni luogo a disposizione, Boris Johnson diceva, ridacchiando, trattarsi di una semplice influenza, poi Il virus che lo ha colpito gli ha fatto subito cambiare idea. la UE non sapeva che fare, Arcuri e Conte volevano le primule e Macron non capiva cosa stesse accadendo. Intanto Israele vaccinava e vaccinava e vaccinava con ordine e disciplina. Questo Ŕ un paese che vive ogni giorno con intensitÓ come fosse l'ultimo a differenza della dormiente e confusa Europa. E' un paese moderno dal cuore antico, un paese laico eppure sacro, pieno di contraddizioni ma spumeggiante di vita. Forse Francesco Magnani dovrebbe venire a visitarlo per rendersi conto che qui abbiamo le automobili, i treni, gli aerei per spostarci, non i cammelli.

Immagine correlata
Deborah Fait
"Gerusalemme, capitale unica e indivisibile dello Stato di Israele"


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT